Mostre:Dove la parola non arriva. Evasioni di un ergastolano

A Villa Lagarina fino all'8 luglio

(ANSA) - TRENTO, 12 GIU - La mostra di Mario Trudu 'Dove la parola non arriva. Evasioni di un ergastolano', fino all'8 luglio a palazzo Libera a Villa Lagarina è un'occasione per interrogarsi sulla vita da reclusi e sui meccanismi della giustizia.
    Trudu è nato ad Arzana nel 1950, era un pastore. Nel 1979 fu arrestato con l'accusa di sequestro di persona a scopo di estorsione. Condannato per un delitto del quale si è sempre dichiarato innocente, durante una breve latitanza è stato responsabile nel 1987 del sequestro dell'industriale Eugenio Gazzotti, morto in una tragica sparatoria, delitto che gli è costato l'ergastolo. L'arte di Mario Trudu che metaforicamente "evade dalla prigione" e la sua storia offrono l'opportunità di porre il tema della condizione carceraria in Italia - ha affermato l'assessore alla cultura Marco Vender in occasione dell'inaugurazione - del compito che la Costituzione assegna allo Stato di riabilitare". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere