Esce per suicidarsi, poi spara a caso e uccide un senegalese

E' accaduto a Firenze su ponte Vespucci: vittima uomo colore raggiunto più spari. Escluso per ora il movente razziale

È un uomo di 54 anni di nazionalità senegalese l'uomo ucciso a colpi di pistola sul ponte Vespucci a Firenze. L'uomo, in base a quanto ricostruito dagli investigatori, sarebbe stato un venditore ambulante irregolare. Sempre secondo quanto emerso al momento è stato raggiunto da più colpi di pistola all'altezza del torace. L'uomo fermato per l'omicidio è un italiano di 65 anni, Roberto Pirrone, 65 anni, incensurato: avrebbe sparato con una Beretta regolarmente detenuta. Pirrone sarebbe uscito di casa con l'intenzione di suicidarsi, finendo poi per sparare e uccidere a caso.

L'uomo, che non sarebbe lucido e alternerebbe momenti di pianto, avrebbe fatto riferimento alla volontà di suicidarsi per questioni economiche. Un biglietto di addio, indirizzato alla figlia, sarebbe stato anche ritrovato nella sua abitazione in Oltrarno. Uscito in strada però non avrebbe trovato il coraggio. Con l'idea di non gravare più sulla famiglia, sempre stando a quanto ha raccontato, avrebbe deciso di sparare per finire in carcere. Inizialmente avrebbe incrociato una famiglia con bambini, desistendo dalle sue intenzioni, poi l'uomo contro il quale ha sparato uccidendolo.

Protesta poi dei senegalesi nel pomeriggio a Firenze in seguito all'omicidio del loro connazionale. I manifestanti, dopo un presidio sul ponte Vespucci dove è avvenuto l'omicidio, hanno improvvisato un corteo per chiedere chiarezza su quanto accaduto: "Ci devono spiegare perché ha sparato. Non ci devono dire che è un pazzo. Siamo arrabbiati e non ci piace che questa cosa sia avvenuta in questo momento politico dell'Italia", ha detto lo storico portavoce della comunità senegalese. Il corteo, partito diretto verso la questura, è poi andato in piazza Signoria dove ha incontrato l'assessore al welfare e l'iman. Quindi è ripartito verso piazza della Stazione dove è stato bloccato in parte il traffico. Tirate giù alcune recinzioni di uno dei cantieri della tramvia. Altri danneggiamenti durante il tragitto per il centro storico, con vasi rotti, cestini rovesciati così come alcuni motorini. A vigilare sui manifestanti le forze del'ordine.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere