Nube da azienda Prato,Arpat-Asl, causa forse caldo e umidità

Provocato possibile decomposizione sostanze chimiche

(ANSA) - PRATO, 17 LUG - "L'esposizione solare e l'umidità presente in uno dei fusti" contenenti Biossido di Tiourea potrebbe aver dato inizio "alla decomposizione. Questa ha innalzato ulteriormente la temperatura del materiale, che ha scaldato i contenitori vicini, innestando una analoga reazione a catena". E' quanto riferiscono in una nota congiunta Arpat e Asl in merito alla nube di vapori irritanti sprigionatasi ieri sera da un'azienda produttrice di prodotti chimici per l'industria tessile in via Galcianese a Prato.
    Arpat e Asl, allertati intorno alle 20.30 dalla polizia municipale e che "hanno collaborato con i vigili del fuoco per definire il quadro dei rischi possibili", rilevano inoltre che "intorno alle 23:30 il fenomeno ha cominciato ad attenuarsi per gli interventi di tamponamento messi in atto dai vigili del fuoco", la cui azione ha "bloccato la reazione chimica".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere