• Le accuse della figlia di Borsellino. Rita: 'Sue parole Vangelo'

Le accuse della figlia di Borsellino. Rita: 'Sue parole Vangelo'

Dopo intervista in cui parla di' 25 anni di schifezze e menzogne'

 "Fiammetta ha l'autorevolezza per dire queste cose, anche perché fino adesso non ha mai detto niente, per cui quello che dice è Vangelo. La ricerca della verità si fa sempre". Lo ha detto Rita Borsellino, commentando l'intervista rilasciata al Corriere della Sera da Fiammetta Borsellino che ha parlato di "25 anni di schifezze e menzogne" e che oggi sarà ascoltata dalla commissione Antimafia. Rita Borsellino è in via D'Amelio dove il fratello magistrato è stato ucciso il 19 luglio di 25 anni con cinque agenti della polizia di Stato che lo scortavano Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter, Cosina e Claudio Traina. "Parlo spesso di coriandoli di verità perché questa ricerca è diventata un tema carnascialesco - ha aggiunto Rita Borsellino - Cosa mi aspetto? E che mi devo aspettare, che ci sia verità, abbiamo questa mania dei numeri, mi aspetto che il 26/mo anno, il prossimo, lo possiamo celebrare come l'anno della verità". 

Figlia Borsellino, indagini fatte da procura massonica - "Abbiamo avuto un balordo della Guadagna come pentito fasullo e una Procura massonica guidata all'epoca da Gianni Tinebra che è morto, ma dove c'erano Annamaria Palma, Carmelo Petralia, Nino Di Matteo...". Lo dice Fiammetta Borsellino, 44 anni, ultimogenita del magistrato Paolo, ucciso nella strage di via D'Amelio 25 anni fa, in un'intervista al Corriere della Sera. "Venticinque anni di schifezze e menzogne - dice Fiammetta Borsellino - All'Antimafia consegnerò inconfutabili atti processuali dai quali si evincono le manovre per occultare la verità sulla trama di via D'Amelio".  "Io non so se era alle prime armi. E comunque mio padre non si meritava giudici alle prime armi, che sia chiaro''. Lo dice Fiammetta Borsellino, 44 anni, ultimogenita del magistrato Paolo, ucciso nella strage di via D'Amelio 25 anni fa, in un'intervista al Corriere della Sera, riferendosi al pm Nino Di Matteo che era tra i magistrati di Caltanissetta che si occuparono dell'inchiesta sulla strage. Alcuni giorni fa la corte di appello di Catania, nel processo di revisione, ha assolto 9 persone che erano state condannate ingiustamente per la strage. "Ai magistrati in servizio dopo la strage di Capaci - dice Fiammetta Borsellino - rimprovero di non aver sentito mio padre nonostante avesse detto di voler parlare con loro. Dopo via D'Amelio riconsegnata dal questore La Barbera la borsa di mio padre pur senza l'agenda rossa, non hanno nemmeno disposto l'esame del Dna. Non furono adottate le più elementari procedure sulla scena del crimine. Il dovere di chi investigava era di non alterare i luoghi del delitto. Ma su via D'Amelio passò la mandria di bufali". "Nessuno si fa vivo con noi. Non ci frequenta più nessuno, magistrati o poliziotti. Si sono dileguati tutti. Le persone oggi a noi vicine le abbiamo incontrate dopo il '92. Nessuno di quelli che si professavano amici ha ritenuto di darci spiegazioni anche dal punto di vista morale". Lo dice Fiammetta Borsellino, 44 anni, ultimogenita del magistrato Paolo, ucciso nella strage di via D'Amelio 25 anni fa, in un'intervista al Corriere della Sera.

 


   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere