Obbligata alla dieta dal convivente, arrestato

Accusato di 13 anni di maltrattamenti,dalle botte ai pedinamenti

(ANSA) - TORINO, 29 MAR - Tredici anni di pedinamenti, controlli, botte e altre prevaricazioni, anche in campo alimentare: lei poteva mangiare soltanto il cibo approvato dal convivente geloso, che le imponeva una dieta ferrea allo scopo di non farla ingrassare. A raccontare la sua storia ai carabinieri è stata la stessa vittima, una donna italiana di 42 anni, residente a Torino. I militari dell'Arma hanno arrestato l'uomo, un italiano di 47 anni, con l'accusa di maltrattamenti in famiglia. La donna aveva chiesto aiuto al fratello dopo che il convivente l'aveva fatta salire in auto con una scusa mentre lei si recava in caserma a denunciarlo e l'aveva minacciata di morte. Tra le imposizioni ferree dell'uomo ossessivo c'erano anche quelle riguardanti la dieta. L'inchiesta è stata coordinata dal pm Alessandra Provazza.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere
La social tv del Consiglio regionale