Salute: San Marino aderisce alla Giornata Mondiale del Cuore

Sul Titano 82 decessi per malattie cardiocircolatorie nel 2016

La Repubblica di San Marino aderisce anche quest'anno alla Giornata Mondiale del Cuore, promossa in tutto il mondo dalla World Heart Federation e che si celebra ogni anno il 29 settembre.
    Le malattie dell'apparato cardiocircolatorio sono infatti tra le principali cause di morte in tutto il mondo e anche sul Titano, seppure in leggero calo, mantengono questo triste primato: 82 nel 2016 e già 50 nei primi sei mesi del 2017.
    Fondamentale quindi l'opera di sensibilizzazione e prevenzione attraverso la promozione dei corretti stili di vita, ma anche effettuare controlli periodici e specialistici in presenza di familiarità con le patologie cardiache.
    A San Marino, in particolare l'UOC Cardiologia, svolge un'ampia attività che prevede momenti di colloquio, durante i quali vengono forniti opuscoli informativi sui principali fattori di rischio cardiovascolare: fumo, ipertensione arteriosa, obesità, colesterolo.
    Nel corso dell'anno scorso sono state effettuate circa 9.000 visite cardiologiche ambulatoriali, che rappresenta il momento in cui il paziente viene valutato nella sua globalità, informato sulla propria condizione di rischio cardiovascolare ed educato sui comportamenti atti a ridurre tale rischio.
    Le patologie trattate riguardano prevalentemente la cardiopatia ischemica nelle sue varie espressioni di cardiopatia ischemica cronica, angina instabile, sindrome coronarica acuta; lo scompenso cardiaco; l'ipertensione arteriosa; le valvulopatie cardiache; le aritmie cardiache; la vasculopatia dei vasi epiaortici; malattie di minor incidenza come le miocardiopatie e le malattie del pericardio ed endocardio.
    Inoltre, tutti i pazienti con diabete mellito in follow up presso il Centro Antidiabetico afferiscono periodicamente presso l'ambulatorio di cardiologia per una stima del rischio cardiovascolare globale.
    Si segnala inoltre che a San Marino vengono seguiti mediante piattaforma informatica 117 pazienti in trattamento anticoagulante orale e fino ad ora sono stati arruolati 437 pazienti in trattamento con i nuovi anticoagulanti orali.
    In termini numerici nel corso del 2016 sono state effettuate 67 indagini coronarografiche con 33 procedure di angioplastica coronarica di cui 17 in corso di infarto miocardico acuto. Sono anche stati effettuati sei interventi di cardiochirurgia, 8 impianti di defibrillatore e 12 impianti di pace maker.
    L'ISS e la Segreteria di Stato alla Sanità rinnovano in questa Giornata del Cuore l'importanza della prevenzione e degli stili di vita; le malattie cardiovascolari riconoscono un'eziologia multifattoriale (età, sesso, pressione arteriosa, abitudine al fumo di sigaretta, diabete, colesterolemia); i fattori di rischio sono stati identificati ed è stata dimostrata la reversibilità del rischio, pertanto la malattia cardiovascolare è oggi prevenibile. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere