Arcivescovo Ancona, vicini al papa

Lo dice a nunzio Tscherrig durante imposizione pallio

"Dica al Papa che gli vogliamo tanto bene, in un momento in cui deve guidare la Chiesa in acque agitate. Ogni giorno preghiamo per lui". Lo ha detto l'arcivescovo metropolita di Ancona e Osimo Angelo Spina al nunzio apostolico in Italia Emil Paul Tscherrig, che gli ha posto sule spalle il pallio nella cattedrale di San Cirica ad Ancona. Il pallio, paramento liturgico costituito da una striscia di lana bianca decorato con sei croci nere che ricordano le ferite di Cristo, simbolo del compito pastorale, è stato benedetto da papa Francesco il 29 giugno scorso durante la celebrazione eucaristica in piazza San Pietro a Roma. Alla cerimonia hanno partecipato il card. Edoardo Menichelli, arcivescovo emerito, il presidente della Conferenza episcopale marchigiana mons. Piero Coccia con i vescovi marchigiani e tanti fedeli. Il presule ha chiesto loro di "pregare per me e di starmi vicino" perché il suo desiderio "è di essere al vostro servizio e di collaborare alla vostra gioia".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere