Tornado: trovata scatola nera, prese tracce radar

Ipotesi errore umano

Prima i resti martoriati di due corpi maschili, poi la scatola nera di uno dei due Tornado dell'Aeronautica militare che si sono schiantati in volo sopra Ascoli Piceno. Le colline tra Ascoli, Roccafluvione e Venarotta stanno restituendo poco a poco elementi preziosi per capire la dinamica dell'incidente. Ma la priorità resta la ricerca dei due piloti che ancora mancano all'appello o di quello che resta di loro.

A bordo dei due velivoli c'erano il capitano pilota Alessandro Dotto e il capitano navigatore Giuseppe Palminteri sul primo (si ipotizza che i resti trovati siano i loro), il capitano pilota Mariangela Valentini e il capitano navigatore Paolo Piero Franzese sul secondo. "Le ricerche continuano fino a quando li ritroviamo oppure finché non avrà più senso continuare le ricerche" dicono dall'Aeronautica militare. E i vigili del fuoco, che coordinano le perlustrazioni, annunciano che si andrà avanti "ad oltranza" almeno fino alla fine della settimana con 250 unità tra le varie forze di polizia e i corpi dello Stato, procedendo a ranghi ridotti solo durante la notte.

Quanto alla scatola nera, un contenitore arancione grande quanto una scatola da scarpe, trovata sul fianco della collina fra Tronzano e Casamurana dove erano stati trovati i primi resti umani, è risultata non integra: sequestrata dalla Squadra Mobile di Ascoli, sarà esaminata da tecnici specializzati, compresi quelli della casa produttrice. Più che di fonti di prova, la Procura di Ascoli Piceno, che procede contro ignoti per disastro aereo colposo e, dopo il ritrovamento dei cadaveri, per omicidio colposo, cerca "fonti di comprensione", dice il procuratore Michele Renzo, facendo capire che l'inchiesta sarà lunga e complessa, con l'apporto di vari esperti. Anche per questo i magistrati ascolani si stanno muovendo con molta celerità, anche se il magistrato che ha seguito l'inchiesta, Umberto Monti, si assenta per un periodo di vacanza e sarà sostituito dal procuratore e dagli altri sostituti, contitolari del fascicolo.

L'incarico al medico legale Adriano Tagliabracci per l'identificazione dei due corpi tramite l'esame del Dna e l'acquisizione dei tracciati radar relativi ai voli militari effettuati sulla dorsale adriatica il 19 agosto e tutte le comunicazioni radio avvenute tra le basi dell'Aeronautica Militare e i piloti dei due Tornado precipitati dopo uno scontro in volo. Quattro le strutture militari interessate ad Abano Terme, Brindisi, Falconara e Poggio Renatico. Anche i tecnici sono stati sentiti dalla polizia, che ha acquisito i tabulati dei radar e le comunicazioni radio 'terra-bordo-terra', cioè tra i piloti e il personale nei centri di controllo. Altro materiale, come i piani di volo, è in corso di acquisizione, mentre è stato avviato il lavoro di repertazione delle centinaia di frammenti di parti di aereo caduti nei pressi di Ascoli per un raggio di chilometri, che saranno raccolti dalla Squadra Mobile in un capannone e sono stati sentiti una decina di testimoni oculari del disastro. Ma - spiega il procuratore - ci sono ancora altri elementi mancanti per ricostruire i fatti, come la seconda scatola nera. Al momento, tutte le ipotesi sono aperte, ma si propende per quella dell'errore umano. "Fondamentale" secondo Renzo l'apporto alle indagini dell'Aeronautica militare, che ha già fornito una relazione preliminare. E sono "ottimi" anche i rapporti con la Procura militare di Verona, che sta procedendo per il reato di distruzione di beni militari. "Ci siamo scambiati idee e informazione" spiega Renzo, anche se poi ognuno procede per conto suo.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere
International Conference - Intermodal Connections in the Adriatic-Ionian Macro Region