Linea dura contro borseggiatrici alle Cinque Terre

Sorveglianza speciale contro assalto a turisti treni e stazioni

Provvedimenti di sorveglianza speciale con obbligo di dimora, solitamente applicati a persone pericolose, sono stati decisi per la prima volta per nove borseggiatrici che quotidianamente affollano le stazioni delle Cinque Terre per compiere furti ai danni dei turisti. La misura, chiesta dal procuratore della Repubblica Antonio Patrono e dal questore della Spezia Vittorino Grillo per fronteggiare l' emergenza nelle stazioni e sui treni da e per le Cinque Terre, dove migliaia di turisti arrivano ogni giorno da tutto il mondo, è stata emessa dal Tribunale a seguito delle indagini dei carabinieri. Qualora le donne segnalate fossero sorprese nuovamente nella provincia spezzina, scatterà immediato l' arresto. E' la prima volta che il provvedimento, solitamente applicato a persone ritenute pericolose per la sicurezza, viene esteso a borseggiatrici seriali: le nove donne, sette residenti a Genova e due a Roma, sono state più volte denunciate per furto e per la violazione del foglio di via.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere