• Esplosione a Roma, davanti alle Poste: ordigno rudimentale tra due auto. Si valuta la pista anarchica

Esplosione a Roma, davanti alle Poste: ordigno rudimentale tra due auto. Si valuta la pista anarchica

Si valuta la pista anarchica. Esplosione in strada a Roma, in viale Aventino

Roma, 12 maggio - Una bomba rudimentale esplode nel parcheggio di un ufficio postale del centro di Roma poco dopo l'apertura. Non ci sono feriti né danni gravi, ma l'ordigno riporta la paura nella capitale, con l'allerta già alta per la minaccia jihadista. La matrice dell'attentato, considerato "dimostrativo" dagli investigatori, sembra essere invece quella anarchica. La procura di Roma indaga per atto di terrorismo con esplosivo. Nelle prime ore non é arrivata alcuna rivendicazione. La bomba - un timer da cucina, una bottiglia di benzina, polvere da sparo, fili elettrici -, contenuta in una scatola di plastica, scoppia intorno alle 9 nel parking riservato ai dipendenti davanti all'ingresso laterale delle Poste di via Marmorata, un edificio imponente a poche decine di metri dalla Piramide Cestia, tra il Circo Massimo e l'Aventino, architettura razionalista firmata da Adalberto Libera. Collocato in un posto auto vuoto, tra un furgoncino postale e una macchina, l'ordigno provoca un incendio circoscritto, gli impiegati intervengono con un estintore. Gli uffici vengono evacuati. I testimoni riferiscono di due esplosioni, una più leggera - provocata dall'innesco - e l'altra pochi secondi dopo più violenta, la vera deflagrazione. "Una potenza modesta", secondo gli artificieri, ma comunque in grado di ferire chi si fosse trovato nei pressi. Invece si registrano solo lievi danni a una delle auto parcheggiate, colpita dagli schizzi di benzina.

I rilievi della scientifica: le foto

La Questura: 'L'ordigno poteva incendiare auto' - VIDEO

Sull'altro lato di via Marmorata c'é una caserma storica dei vigili del fuoco, che intervengono subito. Sul posto anche la polizia, i carabinieri e i vigili urbani. La zona viene transennata. Ora si esaminano le immagini delle telecamere di sorveglianza alla ricerca del 'bombarolo'. La scientifica studia i resti del congegno esplosivo e le tracce di liquido infiammabile. C'e' un testimone oculare, un impiegato dell'ufficio che avrebbe visto l'esplosione, ma non lo sconosciuto collocare la bomba. L'indagine é affidata alla Digos, il coordinamento al pool di pm dell'antiterrorismo, guidati dal procuratore aggiunto di Roma Francesco Caporale. "Abbiamo sentito una prima esplosione, poi dopo 2-3 secondi un'altra più forte - racconta la barista di un chiosco a poche decine di metri dalle Poste -. Abbiamo visto subito le fiamme alte e il fumo nero, c'é stata paura e abbiamo subito capito che non era stato un incidente". "Ci siamo avvicinati e abbiamo visto che non c'erano feriti né danni particolari", aggiunge la ragazza. Un'altra testimone é una addetta alla pulizie dell'ufficio postale, che aveva parcheggiato l'auto non molto tempo prima dell'esplosione a pochi metri di distanza. "Ero di sopra e abbiamo sentito un botto e poi un altro - racconta -. Dalla finestra abbiamo visto due persone che correvano perché spaventati, poi sono scesa per vedere cosa era successo alla macchina. Cosa ho pensato? Non al terrorismo, inizialmente ho pensato a una rapina, visto che lì c'é il bancomat". La donna non ha notato nulla di strano lasciando l'auto verso le 8.30. Le indagini imboccano la pista anarchica e si valuta il collegamento con un incendio che il 15 aprile scorso distrusse oltre 15 mezzi delle Poste in un parcheggio dell'azienda a Colli Aniene, alla periferia di Roma. Nel mirino potrebbe esserci proprio l'azienda, criticata sui network anarchici per i contratti precari e soprattutto per la collaborazione con lo Stato nel rimpatrio dei migranti attraverso una propria compagnia aerea. Gli anarchici, da tempo "in sonno", potrebbero forse aprire una nuova stagione di attentati.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Muoversi a Roma