Latterie Friulane, da marzo 25 in mobilità

Non saranno riassorbiti dopo passaggio a Parmalat

(ANSA) - UDINE, 23 FEB - Non saranno riassorbiti i 25 dipendenti delle ex Latterie Friulane, ora passate in capo a Parmalat, oggi in cassa integrazione straordinaria il cui secondo anno scadrà il 16 marzo. Dal prossimo 1 marzo, invece, i lavoratori riceveranno la lettera di licenziamento. Lo hanno reso noto i sindacati di categoria di Cgil, Cisl e Uil che oggi hanno incontrato la proprietà e subito dopo svolto un'assemblea sindacale con i 120 lavoratori attualmente alle dipendenze del colosso di produzione del latte. Dei 120 dipendenti, 95 sono occupati nello stabilimento di Campoformido, l'unico che rimarrà aperto. Saranno invece chiusi Monfalcone e Spilimbergo. Dei 25 dipendenti in esubero, 9 hanno conciliato il licenziamento con un incentivo all'esodo; gli altri 16 saranno messi in mobilità. Prima del passaggio di proprietà Latterie friulane impiegava 156 persone. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Claudio Berlingerio - Ad Maiores

Così "Ad Maiores" rivoluziona il mondo delle case di riposo a Trieste

Claudio Berlingerio e Tiziana Kert, titolari di una moderna Residenza per anziani ci raccontano le ultime frontiere normative.


Idrotermozeta

Tecnologia e risparmio energetico: segni distintivi degli impianti Idrotermozeta

L'azienda di Trieste, leader nella progettazione di impianti di riscaldamento e condizionamento, si racconta nelle parole di Paolo Zacchigna e Federico Cok: «Il nostro sguardo è proiettato al futuro»


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Nuova Europa