A Piacenza nasce il Museo dell'Emigrazione

Percorso multimediale in Casa madre Missionari Scalabriniani

Un percorso multimediale in grado di ripercorrere l'esperienza migratoria in tutte le sue fasi, dalla partenza al viaggio, dall'arrivo all'inserimento in un Paese straniero: è il Mes-Museo dell'Emigrazione, che apre l'1 dicembre nella Casa madre dei Missionari Scalabriniani a Piacenza. Dedicato a Giovanni Battista Scalabrini, vescovo di Piacenza dal 1876 al 1905, definito il 'Padre dei migranti', il museo - con video, immagini e suoni - condurrà il visitatore ad approfondire il tema delle migrazioni, facendone comprendere il divenire storico e le dinamiche sociopolitiche dal 1870 ad oggi.

La congregazione è nata nel 1887 per assistere gli emigrati italiani che partivano in massa per le Americhe. Nei decenni la missione di assistenza ai migranti si è estesa ad altri continenti e 'soggetti della mobilità umana': oggi i missionari sono circa 700, di una quarantina di nazionalità, e operano in 34 Paesi. La loro azione è coadiuvata da 600 operatori laici che partecipano alle varie attività di assistenza.

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere
        Aeroporto di Bologna