Igor: Ravaglia; aspetto risposte Stato,si ricordi di servitore

Poliziotto Provinciale ha chiesto accesso a Fondo Vittime Dovere

(ANSA) - FERRARA, 8 GIU - "Igor mi ha sparato, la mia vita è cambiata e non sarà più la stessa e adesso aspetto risposte dallo Stato, spero si ricordi di un suo servitore". Marco Ravaglia, agente della Polizia provinciale di Ferrara, è sopravvissuto alla furia omicida di Igor Vaclavic-Norbert Feher, fingendosi morto, un anno fa: ora con i postumi sul suo corpo di quei tre colpi sparati attende riposte dopo aver chiesto di accedere al 'Fondo vittime del dovere'. "Auspico a questo punto che lo Stato si ricordi di me, di un suo servitore che ha subito danni gravissimi durante il servizio - spiega Ravaglia al quotidiano 'la Nuova Ferrara' - da quell'8 aprile dello scorso anno la mia vita non è più la stessa, è cambiata per me, mia moglie tutti coloro che mi stanno attorno e difficilmente tornerò quello di prima: da qui le mie richieste allo Stato". Per le ferite che condizionano la sua vita, presente e futura, Ravaglia attraverso il suo legale, Denis Lovison ha chiesto di potere accedere al 'Fondo vittime del dovere', istituito da una legge per tutelare chiunque delle forze dell'ordine subisca invalidità durante il servizio. La richiesta ha già avuto il benestare della Prefettura di Ferrara che ha concluso l'iter burocratico e la raccolta della documentazione: adesso è pendente al Ministero degli interni, Ufficio affari generali che valuta gli indennizzi, mentre la stessa documentazione è stata presentata alla Provincia di Ferrara, ente pubblico di cui Ravaglia è dipendente. Ma non si conoscono i tempi tecnici, di risposta da parte del ministero. Da qui l'appello di Ravaglia e del suo legale: "sappiamo che l'iter a livello locale è concluso, ora attendiamo risposte dal ministero degli interni, chiediamo che vengano indicati i tempi, che siano brevi". 

Attualmente Ravaglia, dal punto di vista amministrativo, è in carico all'Inail perchè vittima di infortunio sul lavoro, quali sono le conseguenze dell'agguato di Igor. Ma a breve la copertura dell'Inail dovrebbe finire, (già fissata l'ultima visita medico-fiscale per chiudere la sua posizione). Quindi dovrebbe tornare in servizio alla Polizia Provinciale. Ma non sarebbe in grado di farlo e dovrebbe essere posto in malattia, a carico dell'Inps. Che - ricorda il legale - in questi casi copre solo un periodo di tempo, oltre il quale la posizione lavorativa viene interrotta. Per questo motivo Ravaglia e il suo legale sollecitano il Ministero degli interni - e lo stesso neo Ministro, Matteo Salvini che si era speso per la tutela dei membri delle forze dell'ordine - affinché si valuti nei tempi più brevi l'accoglimento al Fondo vittime del dovere.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Aeroporto di Bologna