Trivelle: Consulta,'no' a ricorsi Regioni

Miravano a far rivivere referendum su piano aree e proroghe

(ANSA) - ROMA, 9 MAR - La Corte costituzionale ha dichiarato inammissibili i ricorsi per conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato promossi dalle Regioni sulla questione delle trivellazioni. I ricorsi riguardavano il piano delle aree e il regime delle concessioni ed erano proposti nei confronti del Presidente del Consiglio, del Parlamento e dell'Ufficio centrale per il referendum presso la Cassazione. Promossi da sei Consigli Regionali - Basilicata, Puglia, Liguria, Marche, Sardegna, Veneto - i conflitti miravano a far rivivere i referendum su piano aree e proroga delle concessioni, in precedenza 'bocciati' dalla Cassazione. La Consulta ha dichiarato i conflitti inammissibili perché non è stata espressa la volontà di sollevarli "da almeno cinque dei Consigli regionali che avevano richiesto il referendum". Resta in piedi, quindi, un solo referendum sulle trivelle: quello sulla durata delle autorizzazioni per le trivellazioni entro le 12 miglia mare, che si terrà il 17 aprile.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere