Open Fiber, Macquarie offre a Enel 2,65 miliardi per il 50%

Offerta compatibile con la rete unica. Starace: esame in un mese

(ANSA) - ROMA, 18 SET - Il fondo australiano Macquarie si fa sotto per Open Fiber, offrendo all'Enel 2,65 miliardi di euro per rilevare la quota del 50% della società costituita a fine 2015 con l'obiettivo di accelerare la copertura dell'Italia con una rete in fibra ottica. La proposta, considerando i circa 2 miliardi di euro di debito, attribuisce all'operatore di rete un valore d'impresa di circa 7,3 miliardi e garantirebbe a Enel una plusvalenza di quasi 2 miliardi, a testimonianza del valore creato con Open Fiber.
    Il cda, ha fatto sapere Enel, "è stato informato" dell'offerta e resta "in attesa di essere aggiornato circa i dettagli che dovessero emergere a valle delle necessarie attività di approfondimento" con gli australiani e per le quali, ha chiarito l'ad Francesco Starace, serviranno "settimane intere, un mese".
    Macquarie punta a mettere un piede in Open Fiber anche con FiberCorp, la società in cui confluiranno la rete secondaria e primaria di Tim. L'offerta degli australiani, riferiscono fonti finanziarie, è "compatibile" con l'obiettivo di creazione della rete unica. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie