Dl Ristori: nasce call center unico per l'app Immuni

Crescono notifiche, 5mila in un giorno

Un call center nazionale per l'app Immuni, sulla falsa riga di quanto già fatto in Germania, che possa aiutare le persone che ricevono una diagnosi di positività o la notifica di espozione al Covid-19 e che finora si dovevano rivolgere al proprio medico per le procedure successive. E' la novità introdotta dal decreto Ristori, pubblicato oggi in Gazzetta Ufficiale.

Nel capitolo dedicato alla salute viene specificato che "il Ministero della Salute attiva un servizio nazionale di supporto telefonico e telematico alle persone risultate positive al virus SARS-Cov-2 che hanno avuto contatti stretti o casuali con soggetti risultati positivi o che hanno ricevuto una notifica di allerta attraverso l'applicazione Immuni, i cui dati sono resi accessibili per caricare il codice chiave in presenza di un caso di positività". Per questa finalità è autorizzata "la spesa di 1.000.000 di euro per l'anno 2020 e 3.000.000 di euro per il 2021".

E' un altro passo nel perfezionamento del contact tracing, dopo l'entrata in vigore del Dpcm del 18 ottobre 2020 che ha reso obbligatorio il caricamento dei codici delle persone positive da parte delle Asl.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie