Software&App

Dopo WhatsApp anche Viber cripta la chat

Messaggi e chiamate vocali diventano inaccessibili dall'esterno

Dopo WhatsApp anche l'app Viber, che conta oltre 700 milioni di utenti nel mondo, punta su privacy e sicurezza andando a criptare tutti i messaggi e le chiamate vocali che passano sulla sua chat.

La compagnia, fondata in Israele e rilevata nel 2014 dalla giapponese Rakuten nel 2014, ha iniziato a introdurre la crittografia automatica in alcuni Paesi, Italia inclusa, su iPhone, iPad, dispositivi Android, computer Windows e Mac, e la estenderà a livello globale nelle prossime settimane. Un lucchetto grigio sarà il segnale che la conversazione, sia vocale che testuale, è protetta e inaccessibile dall'esterno.

Lo stesso passo era stato compiuto agli inizi di aprile da WhatsApp, che si era detta felice di fare propria parte "nel mantenere le informazioni delle persone fuori dalla portata di hacker e criminali informatici".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie