'Così FB reagisce su sesso e violenza'

'Difficile reagire', come su video porno postati per vendetta

LONDRA - Il Guardian rivela per la prima volta le regole e le linee guida segrete di Facebook. Dopo una lunga inchiesta il quotidiano britannico è entrato in possesso di un centinaio di manuali con le regole da rispettare e su come moderare argomenti come violenza, razzismo, terrorismo, odio e pornografia.

Una fonte del quotidiano sostiene che "Facebook non è in grado di controllare i suoi contenuti, è cresciuto troppo in fretta, raggiungendo dimensioni enormi". Difficile per esempio reagire in casi come il cosiddetto 'revenge porn' (cioè le persone lasciate che si vendicano postando immagini intime e personali per danneggiare l'ex partner): in molte situazioni occorre decidere se l'immagine è appropriata in meno di 10 secondi, vista la mole di lavoro per i moderatori.

"Mantenere le persone al sicuro su Facebook è la cosa più importante che facciamo. Lavoriamo duramente per rendere Facebook più sicuro possibile pur consentendo libertà d'espressione". È "qualcosa che prendiamo molto sul serio". Così la compagnia di Menlo Park replica tramite un portavoce alle rivelazioni del Guardian sulle regole e le linee guida segrete del social per la moderazione di argomenti sensibili sulla piattaforma, dal terrorismo alla pornografia. "Mark Zuckerberg di recente ha annunciato che nel corso del prossimo anno aggiungeremo 3 mila persone al nostro team di operazioni nel mondo - oltre alle 4.500 che abbiamo oggi - per rivedere milioni di segnalazioni che riceviamo ogni settimana e per migliorare il lavoro in modo da farlo più velocemente", afferma Monika Bickert, Head of Global Policy Management di Facebook. "Oltre a investire su più persone", aggiunge, "stiamo anche realizzando strumenti migliori per mantenere la nostra comunità al sicuro. Renderemo più semplice segnalarci i problemi, e più rapido per i nostri moderatori determinare quali post violano i nostri standard. Semplificheremo anche il processo con cui possono contattare le forze dell'ordine se qualcuno ha bisogno di aiuto". Il quotidiano britannico ieri ha rivelato le regole che il team di Facebook deve seguire per la moderazione degli argomenti sul social, una piazza virtuale frequentata da quasi 2 miliardi di persone. Una mole di contenuti talmente grande, secondo una fonte del Guardian, che in molte situazioni i moderatori devono decidere se un'immagine è appropriata o meno in meno di 10 secondi.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie