Hi-tech

Casa ora più digitale, connessione indispensabile per 54%

Report Ey, Italia al top in Ue per e-sanità

Dopo la pandemia le case degli italiani saranno più digitali: la connettività e la rete fissa sono diventate un bisogno irrinunciabile per il 54% dei cittadini ma nelle offerte c'e' ancora poca trasparenza. A sorpresa inoltre il nostro Paese si scopre ai primi posti in Ue per la sanità digitale. Sono alcuni dati che emergono dall'EY Digital Home Study.

Nell'ultimo anno gli italiani hanno sperimentato nuovi servizi digitali, anche in misura maggiore rispetto agli altri Paesi: il 32% afferma di aver utilizzato per la prima volta una videochiamata per lavoro, contro il 20% dei francesi e il 18% dei tedeschi. Ed anche la didattica online è stata una novità per il 30% degli italiani, una percentuale ben più robusta rispetto al 12% della Francia e all'11% della Germania. L'Italia svetta anche nell'utilizzo di servizi sanitari digitali (23%), superando di ben dieci punti i due competitor europei.

"Attività e servizi digitali come smart working e videocall, continueranno a essere richiesti e utilizzati in futuro, anche se probabilmente in misura minore", dice Irene Pipola, Partner EY, Responsabile consulting per il settore TMT ma "la crescita dei servizi online ha amplificato certe paure e preoccupazioni, soprattutto quelle legate a possibili violazioni della privacy e all'impatto delle tecnologie sul proprio benessere psicofisico (il 50% degli italiani è più preoccupato di prima per le conseguenze dell'utilizzo di internet). Dunque, a fronte di una domanda elevata sia in termini di qualità sia di varietà del panel di prodotti e servizi, anche l'offerta dovrà adeguarsi con standard altrettanto elevati e soluzioni sempre più personalizzate".
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie