ANSAcom

A Sps Italia 2020 arriva la stampa 3D per l’idustria 4.0

Wich, settore in evoluzione accanto a robot e meccatronica

Milano ANSAcom

Cresce l'uso della stampa 3D nel mondo dell'industria, anche in Italia. A fronte di questa evoluzione Sps Italia, la fiera di riferimento per l'automazione industriale (in programma il 28-30 maggio a Parma), ha deciso di ampliare il "District 4.0", collegato alle tematiche della quarta rivoluzione industriale, con una nuova area dedicata alle tecnologie additive e stampa 3D.
"L'additive manufacturing (stampa 3D) è un settore in grandissima evoluzione che sta diventando sempre di più parte integrante nei processi produttivi e ha una ragione di esistere accanto alle altre soluzioni per la digitalizzazione dell'industria, come robotica e meccatronica", spiega l'amministratore delegato di Messe Frankfurt Italia, Donald Wich, in occasione della conferenza stampa "Dieci dialoghi tra uomo e tecnologia", attraverso i quali è stata ripercorsa la storia di Sps Italia. Wich mette in evidenzia come la manifattura additiva sia "un ambito già di competenza del gruppo Messe Frankfurt attraverso il brand fieristico Formnext, leader nel mondo per le tecnologie connesse alla produzione additiva, nato cinque anni fa a Francoforte". Al Formnext "i produttori e le imprese italiane acquistano sempre più importanza e l'interesse per l'additive manufacturing sta aumentando anche in Italia - afferma il vicepresidente di Formnext, Sascha F.Wenzler -. Per questo è stato naturale collaborare e supportare la nuova area dedicata nel District 4.0 di Sps Italia, dove incoraggeremo lo scambio e faciliteremo la comprensione dell'enorme potenziale che l'adidtive manifacturting può avere per l'industria italiana".
Tra le novità di quest'anno a Parma, c'è anche il nuovo logo, SPS, che si identifica nell'acronimo "Smart production solution", adeguandosi alla fiera madre di Norimberga e allineandosi alla trasformazione digitale con un focus sulle opportunità offerte dalla digitalizzazione nella produzione industriale. La collaborazione tra l'uomo e la macchina "è un altro dei temi sviluppato in questi anni da Sps Italia - spiega Wich -. I cobot sono una nicchia di mercato (3%) ma in fortissima crescita e questa collaborazione è strategica perché consente di creare posti di lavoro altamente qualificati senza mettere a rischio l'occupazione". Prima dell'appuntamento di maggio, sono previsti incontri sul territorio, realizzati da Messe Frankfurt Italia con il supporto delle istituzioni, confindustrie locali e competence center. Un percorso a tappe per portare nei distretti produttivi la conoscenza della manifestazione, delle realtà manifatturiere locali e dei fornitori di nuove tecnologie. Il calendario 2020 va da Milano a Bari, passando per Lazio e Reggio Emilia, affrontando i temi di SPS Italia con il leitmotiv "Smart Production".

In collaborazione con:
Messe Frankfurt

Archiviato in