M5S frena sullo ius culturae, dubbi anche nel Pd

Morani (Pd): 'Fare la legge ora è un errore. Ci sono tossine Salvini: non capirebbero. Aspettiamo giugno 2020'. Brescia (5s): 'Commissione ha altre priorità'

Alessia Morani, sottosegretaria allo Sviluppo, apre il caso nel Pd sullo ius culturae. 'Aprire ora il dibattito sulla legge è un errore', scrive su Fb. 'Lo ius culturae è un principio sacrosanto, ma ora non sarebbe compreso, considerate le tossine di razzismo inoculate da Salvini. Aspettiamo giugno del 2020', scrive.

'Giovedì riprende la discussione, ma siamo lontani dall'avere un testo base. Ora in commissione ci sono altre priorità come il conflitto di interessi e il taglio dei parlamentari', frena anche il presidente M5s della commissione Affari Costituzionali Brescia.

"Salvini sbraita, la Meloni raccoglie le firme contro, persino dal Pd qualcuno spiega che non è il momento - dice Matteo Orfini, deputato del Pd -. Strano, il momento per superare una atroce discriminazione che colpisce anche tanti bambini non arriva mai in questo paese. E invece il momento è proprio questo. Lo ius culturae si può approvare in poche settimane. Senza tentennamenti, senza paura e senza subalternità agli argomenti della peggiore destra". 

Lo ius culturae "non è oggi una priorità", afferma in serata il ministro degli Esteri e capo politico del M5s Luigi Di Maio a 'Non è l'Arena' su La7, sottolineando che il governo ora ha altre priorità.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie