• Padoan blinda ad Consip Marroni, non si contempla decadenza. Renzi, umanamente con mio padre ma sto con giudici

Padoan blinda ad Consip Marroni, non si contempla decadenza. Renzi, umanamente con mio padre ma sto con giudici

La procura di Roma dà parere negativo a scarcerazione Romeo

Il ministro dell'Economia Padoan risponde alle interrogazioni di Sel e Fi alla Camera e spiega che l'ad di Consip 'non si trova in una condizione per la quale lo statuto della società contempli la decadenza'.

Sul versante giudiziario, la procura di Roma ha dato parere negativo alla richiesta di scarcerazione dell'imprenditore Alfredo Romeo, principale indagato nell'inchiesta Consip, detenuto dal primo marzo scorso per corruzione.

n una videointervista, Agnese Renzi ha risposto sulla situazione in famiglia dopo l'inchiesta che ha coinvolto il suocero: 'Nel cuore siamo molto tranquilli', ha detto.

Renzi, umanamente con mio padre ma sto con giudici  "Ci sono due dimensioni profondamente diverse. Una è la dimensione del figlio, che quando vede il padre in difficoltà è umanamente preoccupato ed è anche molto lieto dei valori che la famiglia gli ha trasmesso. Ma dal punto di vista istituzionale io non entro minimamente nella questione delle indagini, non la giudico. Ho servito la bandiera del mio paese. Io sto dalla parte dei giudici". Lo dice Matteo Renzi a Porta a Porta. 

Legali, Romeo non conosce Lotti né Tiziano Renzi - "L'avvocato Alfredo Romeo non conosce Luca Lotti né Tiziano Renzi. Né ha mai conosciuto i generali Del Sette e Saltalamacchia. Né, meno ancora, alcuno dei componenti delle commissioni aggiudicatrici dei bandi di gara Consip". E' quanto affermano i legali di Romeo in una nota in merito all'inchiesta Consip. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie