Politica
  1. ANSA.it
  2. Politica
  3. Insulti sessisti al Senato, D'Anna in sciopero della fame dopo sospensione

Insulti sessisti al Senato, D'Anna in sciopero della fame dopo sospensione

Boldrini, serve stretta anti-sessismo e cita emendamento fermo da un anno in giunta regolamento

Entrerà in sciopero della fame il senatore di Ala Vincenzo D'Anna sanzionato insieme al collega Lucio Barani con cinque giorni di sospensione dall'ufficio di presienza del Senato per aver rivolto isulti sessisti a una collega del Movimento cinque stelle durante la discussione in Aula sulle riforme. 

 IL VIDEO dall'Aula del Senato (da M5S)

Intanto non si placa la polemica sui gesti sessisti rivolti in Aula e non solo dai parlamentari alle colleghe e mentre la presidente della Camera Laura Boldrini chiede provvedimenti e cita in proposito un emendamento alla riforma del regolamento fermo in giunta da un anno e che prevede 40 giorni di sospensione per i colpevoli, la Dem Alessandra Moretti propone di tagliare gli stipendi.
 
L'annuncio di D'Anna - "Entrerò in sciopero della fame da lunedì". Lo annuncia il senatore Vincenzo D'Anna, portavoce del gruppo ALA, a seguito della sospensione ricevuta per gesti sessisti in Aula al Senato. E aggiunge che lo porterà avanti "fino a quando non avrò avuto soddisfazione e non mi sarà resa giustizia". "L'intransigente difesa della mia onorabilità mi impone di chiedere con forza al presidente del Senato Pietro Grasso, l'esibizione di tutti i filmati a sua disposizione", chiede il senatore D'Anna facendo riferimento alla seduta pomeridiana di venerdì scorso, "ivi compresi quelli delle telecamere di sicurezza posti alla sua esclusiva disponibilità". Il senatore ritiene che l'esame del labiale del filmato messo in onda durante la trasmissione Striscia La Notizia, dimostri quanto "ripetutamente affermato": "quei gesti - spiega - mimavano quelli poc'anzi provocatoriamente rivolti dalla senatrice Lezzi del M5S, nei confronti dei senatori Falanga e Barani". "Alla richiesta di tali filmati da parte di diversi componenti del Consiglio di Presidenza - prosegue il parlamentare - Grasso ha ufficialmente dichiarato di averli visionati e di non avervi rinvenuto alcunché di provocatorio da parte del M5S. Tale affermazione è falsa. Impegno quindi l'onore della seconda carica dello Stato, ad accertare, come suo dovere, i fatti nel loro reale contesto e dimensione e a rendere pubblici, sia ai senatori che alla stampa, tali filmati". "Rinuncio al contempo - continua D'Anna - alla rivendicazione dei miei diritti di senatore e non presenterò alcuna istanza o memoria difensiva per ottenere la revoca della sanzione inflittami, come da qualche parte pure mi si suggerisce".
 
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA



Modifica consenso Cookie