Mondo
  1. ANSA.it
  2. Mondo
  3. Ucraina, battaglia a Mariupol, Mosca annuncia di aver preso il porto. 'Missili su incrociatore russo a Odessa'

Ucraina, battaglia a Mariupol, Mosca annuncia di aver preso il porto. 'Missili su incrociatore russo a Odessa'

Presidenti di Polonia e degli Stati baltici a Kiev. Il sindaco di Mariupol: 'Finché resisteremo, resisterà l'Ucraina'

Una battaglia corpo a corpo per Mariupol. Dopo settimane di bombardamenti e assedio che hanno stremato la popolazione, con centomila persone in disperata attesa di un'evacuazione, e dopo gli attacchi dei droni con sospette armi chimiche per "stanare le talpe" nemiche, il conflitto nel luogo simbolo del martirio dell'Ucraina cala sempre più sul terreno, tra scontri a fuoco strada per strada nei meandri arroventati dell'acciaieria Azovstal, il gioiello dell'industria metallurgica della città trasformato nel quartiere generale dei suoi ultimi difensori, i tremila combattenti del battaglione Azov.

La resistenza non molla e anzi contrattacca, come a Odessa, da dove in serata sono stati lanciati due missili antinave Neptune che hanno colpito l'incrociatore 'Mosca' della flotta russa del Mar Nero, provocando "gravissimi danni", secondo il governatore Maksym Marchenko. Sull'incrociatore, che trasporta 510 membri dell'equipaggio, si sarebbe sviluppato un incendio. Un'operazione dal forte impatto anche simbolico per Kiev, visto che si tratterebbe della stessa nave che aveva preso d'assalto l'Isola dei Serpenti, sequestrando i 'marinai-eroi' che avevano rifiutato la resa. Mentre si lotta senza sosta, la sfida parallela della propaganda di guerra si consuma sul morale delle truppe. Dopo che i separatisti filo-russi avevano rivendicato il "totale controllo" del porto - negato da Kiev ma riaffermato stasera da Mosca - la Russia ha dipinto un nemico ormai alle corde, piegato e sempre più demoralizzato. Al punto che 1.026 militari ucraini si sarebbero arresi, tra cui 162 ufficiali e 47 soldatesse. Secondo il portavoce della Difesa russa, il maggiore Igor Konashenkov, a cedere le armi sono state le truppe "della 36/ma brigata di marines, nei pressi dell'acciaieria Ilyich", da giorni al centro di un rimpallo via social di appelli disperati e smentite di una resa. E ancora una volta, Kiev ha smentito che abbiano ceduto.

L'ufficio del presidente Volodymyr Zelensky ha anzi rivendicato che alcune unità della stessa brigata sarebbero riuscite "con un'azione molto rischiosa" a serrare le fila con il reggimento Azov, raggiungendo i più accreditati difensori della città nel loro fortino. A Mariupol la situazione umanitaria è intanto allo stremo. "I russi hanno distrutto gli ospedali e tutta la città. Questo è un genocidio lanciato da un criminale di guerra, Putin, contro la nostra nazione. Finché resisteremo, resisterà anche l'Ucraina", è il grido di dolore e orgoglio del sindaco Vadym Boychenko, che conferma il bilancio di "almeno ventimila" vittime civili e lo sforzo dei russi "di nascondere le prove delle atrocità commesse, utilizzando anche i forni crematori mobili".

Dalla città assediata, oltre metà della popolazione rimasta cerca ancora di fuggire. Almeno centomila persone intrappolate, secondo le autorità locali, con scarse prospettive di evacuazione, visto che i corridoi umanitari continuano a restare di fatto bloccati, se non per poche iniziative con mezzi privati. Mentre il segretario generale dell'Onu, Antonio Guterres, ha spiegato come "al momento non ci sia nessuna possibilità di un cessate il fuoco globale", né di una tregua localizzata per far allontanare i civili e portare aiuti in sicurezza. Una speranza potrebbe arrivare dalla Turchia, principale mediatore tra Russia e Ucraina, che ha fatto sapere di essere pronta a mettere "a disposizione navi per l'evacuazione di persone da Mariupol e resta in attesa di una risposta positiva".

L'offensiva russa continua nel frattempo a puntare sul Donbass, dove continua a bombardare e sta raggruppando le forze per tentare la spallata definitiva e prendere il controllo dell'intero territorio delle regioni di Donetsk e Lugansk. E' soprattutto da queste zone che parte della popolazione è già stata "deportata" in Russia, secondo Kiev: oltre mezzo milione di persone, ha denunciato Zelensky, condotte con la forza in regioni remote del Paese, confiscandone documenti e oggetti personali, come i telefoni cellulari, e separando i bambini dai loro genitori per consentire alle famiglie russe di adottarli illegalmente. Se l'obiettivo strategico si concentra a est, Mosca torna a minacciare anche Kiev, da cui le sue truppe si sono ritirate lasciandosi alle spalle i massacri di Bucha e delle altre città satellite. La Difesa di Putin si è detta pronta a colpire i centri di comando nemici, anche nella regione della capitale, se l'esercito ucraino continuerà nei suoi tentativi di attaccare strutture in Russia.

"Bucha, Mariuopol, Kramatorsk sono tutti esempi di violazioni dei diritti umani da parte della Russia in Ucraina". Lo ha detto la portavoce della Casa Bianca, Jen Psaki, a proposito dell'accusa di Joe Biden che Putin sta compiendo un genocidio. "Il presidente parlava basandosi su ciò che ha visto, sulle atrocità compiute da Mosca", ha detto. 

Telefonata tra il presidente ucraino Volodymyr Zelensky e quello americano Joe Biden su un "un nuovo pacchetto di aiuti alla sicurezza e possibile nuova assistenza finanziaria" da parte degli Stati Uniti. E Biden ha annunciato nella telefonata l'invio di altri 800 milioni di dollari di nuove armi, riferisce la Casa Bianca in una nota. Questo nuovo pacchetto di armi, ha precisato Biden, "conterrà molti dei sistemi altamente efficaci che abbiamo già fornito e altri nuovi studiati per rispondere al più ampio attacco che la Russia lancerà nell'Ucraina orientale. Questi nuovi sistemi includono artiglieria e mezzi corazzati per il trasporto di soldati". Il presidente ha annunciato anche l'invio d nuovi elicotteri. Inoltre gli Stati Uniti continuano a facilitare il trasferimento di armi significative dai nostri alleati e partner in tutto il mondo. "La fornitura costante di armi che gli Stati Uniti, i loro alleati e partner hanno fornito all'Ucraina è stata fondamentale per sostenere la sua lotta contro l'invasione russa. Ha contribuito a garantire che Putin abbia fallito nel suo obiettivo di conquistare e controllare l'Ucraina", ha detto il presidente. "Non possiamo mollare ora. Come ho assicurato al presidente Zelensky, il popolo americano continuerà a stare a fianco del coraggioso popolo ucraino nella sua lotta per la libertà", ha sottolineato Biden. Nel nuovo pacchetto di armi Usa all'Ucraina, ci sono anche "dispositivi di protezione individuale contro armi chimiche", ha spiegato il portavoce del Pentagono, John Kirby, in un briefing con la stampa. Nella lista figurano anche elicotteri Mi-17 e obici, come anticipato da alcune fonti della Difesa. L'invio di mezzi di protezione contro armi chimiche è basato, ha ribadito, "sulle preoccupazioni che abbiamo da tempo che Mosca possa usare armi chimiche".

Kiev non punta a raggiungere un accordo ma a trascinare deliberatamente i colloqui. E' l'accusa della portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova, secondo quanto riporta la Tass. "Purtroppo - ha detto - la delegazione ucraina, ed è stato così in tutti questi 7 anni, poiché stiamo parlando del gruppo di contatto nel formato Normandia, punta i suoi sforzi non a raggiungere accordi ma a trascinare i colloqui. Conosciamo questa tattica". E dal ministero della Difesa di Mosca, secondo quanto riporta Interfax, arriva l'avvertimento: la Russia colpirà i centri di comando dell'Ucraina, anche a Kiev, se l'esercito ucraino continuerà nei suoi tentativi di attaccare strutture in Russia. 

"L'Ucraina sente il supporto forte e affidabile di ciascuno di voi". Così il presidente Zelensky ha accolto a Kiev i presidenti di Polonia Andrzej Duda, Lituania Gitanas Nauseda, Lettonia Egils Levits ed Estonia Alar Karis.In una foto dell'incontro, quella dei quattro presidenti con al centro Zelensky con la mano una sopra l'altra in segno di unità e compattezza e poi la stretta di mano con Duda, che diventa un abbraccio.

PUTIN E IL GAS - "La Russia può aumentare il consumo di petrolio, gas e carbone sul mercato interno e aumentare le forniture in altre parti del mondo": così il presidente russo Putin ripreso dalla Tass. La decisione degli occidentali di rifiutare la normale cooperazione con la Russia e parte delle risorse energetiche russe ha già colpito milioni di europei e gli Stati Uniti, ha detto ancora il presidente russo.

LE PAROLE DI BIDEN E LA REPLICA DI MOSCA -  "Sì, ho parlato di genocidio perché è sempre più chiaro che Putin sta cercando di cancellare l'idea di essere ucraini", ha detto Joe Biden rispondendo a chi gli chiedeva se in Ucraina fosse in corse un genocidio. "Lasceremo agli avvocati decidere come qualificarlo a livello internazionale, ma di sicuro è quello che sembra a me", aggiunge il presidente Usa. "Parole vere da un vero leader", dice Zelensky che loda Biden. E' "inaccettabile" - sostiene il Cremlino -  che il presidente Usa accusi Vladimir Putin di genocidio. 

L'IRA DI SCHOLZ PER IL NO A STEINMEIER, 'NON VADO A KIEV' - Il blocco di Kiev di una visita del presidente Steinmeier è stato "irritante", ha detto il cancelliere Olaf Scholz in un'intervista a RBB. Scholz ha anche detto che per ora non andrà a Kiev. "In tutte le nostre decisioni staremo attenti a evitare che la Nato, i paesi Nato e che naturalmente la Germania, un grande paese nel mezzo dell'Europa, non partecipino attivamente alla guerra", ha detto Scholz. "Si tratta di una decisione che abbiamo preso per motivi molto buoni, perché abbiamo una grande responsabilità per gli sviluppi in Europa e nel mondo", ha aggiunto Scholz.

In Ucraina vi sono "chiari schemi di violazioni del diritto internazionale umanitario da parte delle forze russe nella loro condotta delle ostilità". E' quanto emerge dal rapporto visionato dall'ANSA della missione di esperti indipendenti dell'Osce per indagare gli sviluppi della guerra in corso. Secondo l'Organizzazione vi sono "prove credibili" che "i diritti umani più fondamentali" siano stati violati. L'indagine riguarda gli eventi dal 24 febbraio all'1 aprile, non coprendo quindi le atrocità commesse nelle vicinanze di Kiev e a Bucha. La Russia è stata invitata a collaborare con la missione di esperti ma ha rifiutato. Almeno 1.892 civili sono stati uccisi, e altri 2.558 sono rimasti feriti, dall'inizio dell'invasione russa in Ucraina il 24 febbraio scorso: lo hanno reso noto le Nazioni Unite, secondo quanto riporta la Cnn. Il bilancio dei decessi include 478 uomini, 308 donne, 30 ragazze e 52 ragazzi, oltre a 71 bambini e 953 adulti.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie