COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale di Business Wire

Hewlett Packard Enterprise lancia le soluzioni per Gaia-X al fine di accelerare la creazione di valore dai dati

Un framework per soluzioni, un sito di intermediazione e servizi nuovi aiutano le aziende a prepararsi per l’infrastruttura di dati Gaia-X

Business Wire

Hewlett Packard Enterprise (NYSE: HPE) ha annunciato oggi il lancio di soluzioni progettate per aiutare le aziende a promuovere la monetizzazione dei dati appoggiandosi a Gaia-X, un’emergente infrastruttura di dati federati supportata da oltre 300 organizzazioni in Europa e a livello globale.

HPE Solution Framework per Gaia-X è stato pensato per le aziende, i fornitori di servizi e le organizzazioni pubbliche che desiderano essere pronte a servirsi di Gaia-X, in quanto supporta virtualmente tutte le funzionalità necessarie a fornire e utilizzare dati e servizi in un ambiente federato e decentralizzato. Tutto ciò permetterà alle aziende di migliorare la propria capacità di creare valore dai dati, attingere a enormi banche dati distribuite e rafforzare la propria sovranità su un modello di business basato sui dati.

Il framework è basato su un’architettura di riferimento che sfrutta i principali componenti del portafoglio software di HPE, software di terzi e la piattaforma commerciale Cloud28+, un sito di intermediazione per la monetizzazione di dati e servizi. Sia singoli componenti di soluzioni sia interi ambienti vengono resi disponibili come servizio attraverso i servizi per il cloud HPE GreenLake.

HPE ha inoltre annunciato il lancio di HPE Roadmap Service per Gaia-X, che aiuterà i clienti a valutare il proprio stato di preparazione rispetto a Gaia-X e a sviluppare una tabella di marcia.

“Gaia-X rappresenta una risposta alla domanda principale della nuova ondata di trasformazioni digitali: come creare effetti di rete senza centralizzare tutti i dati? Questo approccio è perfettamente in linea con la nostra strategia aziendale, orientata a sfruttare il valore dei dati distribuiti tra più sedi e cloud”, ha dichiarato Johannes Koch, vicepresidente senior di HPE per Germania, Austria e Svizzera. “Gaia-X, però, non svolge tutto il lavoro da sola. Per beneficiare di questa piattaforma sono necessarie diverse capacità. Sostanzialmente occorre sapere come monetizzare i dati e sfruttarli all’occorrenza. Ed è proprio questo risultato che aiutiamo i clienti a conseguire con le nostre soluzioni per Gaia-X.”

Una nuova era di dati decentralizzati per promuovere il progresso sociale ed economico

La Commissione europea ha dichiarato che la creazione di valore dai dati sarà la principale fonte di progresso sociale ed economico nella prossima decade. Questo corso sarà determinato da una “nuova ondata” di dati industriali e professionali, l’80% del cui volume complessivo dovrà essere elaborato in modo decentralizzato entro il 2025.

Secondo il Forum Economico Mondiale, ciò consentirà alle aziende di “creare valore dalle indicazioni derivate dai dati” sotto forma di nuovi flussi di entrate, nuovi modelli di business, esperienze migliori per i clienti e decisioni più mirate. A titolo di esempio, McKinsey stima che la monetizzazione dei dati connessi alle automobili potrebbe generare dai 250 a 400 miliardi di dollari di valore incrementale annuo per gli attori dell’ecosistema della mobilità nel 2030. Quanto all’economia dei dati dell’Unione europea, si prevede che possa quasi triplicare tra il 2018 e il 2025, raggiungendo il valore di 829 miliardi di euro.

Un approccio radicalmente nuovo alla creazione di valore da dati sovrani

Non c’è, tuttavia, alcuna certezza riguardo alla misura in cui le aziende riusciranno effettivamente a materializzare queste opportunità. Secondo una relazione globale di IDC e Seagate, solo il 32% dei dati a disposizione delle aziende viene attualmente utilizzato. Secondo la Commissione europea, inoltre, “un numero esiguo di grandi aziende tecnologiche detiene attualmente gran parte dei dati mondiali, il che potrebbe ridurre gli incentivi delle attività basate sui dati a emergere, crescere e innovare.”

Questa sfida viene affrontata con un approccio radicalmente nuovo dalle infrastrutture di dati e cloud decentralizzate che consentono la condivisione e l’aggregazione di dati, analisi e servizi su larga scala senza alcun intermediario centrale, creando condizioni di parità con un’equa distribuzione di potenzialità e opportunità tra tutte le parti.

Gaia-X sta emergendo come punto di riferimento per questo tentativo. Gaia-X connette infrastrutture centralizzate e decentralizzate per rafforzare le capacità di accesso e condivisione dei dati all’insegna dell’affidabilità e della sicurezza. Gaia-X sta attualmente entrando nella fase operativa con i primi importanti progetti e si prevede che le prime soluzioni conformi a Gaia-X saranno certificate a dicembre 2021.

HPE aiuta i clienti a essere pronti per Gaia-X

Tra i primissimi membri dell’organizzazione senza scopo di lucro Gaia-X AISBL, HPE contribuisce alla definizione dell’architettura, degli standard e della certificazione di Gaia-X. HPE sta già lavorando con decine di organizzazioni europee per aiutare le aziende a farsi trovare pronte per le infrastrutture di dati decentralizzate come Gaia-X.

Tra queste figura Orange Business Services, un fornitore europeo di servizi digitali nativi della rete che aiuta i clienti di tutto il mondo a offrire le migliori innovazioni con il massimo livello di protezione dei dati. “Stiamo contribuendo a definire le basi tecniche e dello spazio dati dell’ecosistema Gaia-X e stiamo attualmente adattando i servizi di Orange Cloud a queste specifiche al fine di continuare a offrire ai nostri clienti le soluzioni cloud più affidabili nell’ambito di Gaia-X”, ha dichiarato Cedric Parent, vice amministratore delegato di Orange Cloud. “HPE è un partner fondamentale per la fornitura di tecnologie e funzionalità all’avanguardia per le piattaforme di Orange Cloud. Contiamo molto sulla profonda esperienza e sull’offerta di soluzioni di HPE, che risultano estremamente utili ai fini dello sviluppo necessario per trarre il massimo beneficio da infrastrutture decentralizzate come Gaia-X.”

CSC - IT Center for Science Ltd, l’organizzazione finlandese che ospita il primo supercomputer pre-exascale denominato LUMI, si sta attualmente attrezzando per integrare le tecnologie di supercomputing in un ecosistema di funzionalità nel cui ambito Gaia-X svolgerà un ruolo predominante. “Stiamo collaborando con HPE per mettere a disposizione della ricerca e dell’industria funzionalità di supercomputing affidabili, sicure ed efficienti. CSC è lieta di condividere la propria solida esperienza nella gestione di dati sensibili, quali quelli utilizzabili per ricerche nel campo della salute”, ha commentato Pekka Manninen, direttore del LUMI Leadership Computing Facility presso CSC.

Un framework per soluzioni all’altezza di Gaia-X

Elemento centrale di HPE Solution Framework per Gaia-X è un’architettura di riferimento che definisce le basi dei componenti necessari per la creazione di casi d’uso per Gaia-X. Oltre a garantire un funzionamento affidabile delle infrastrutture per i carichi di lavoro decentralizzati, contempla anche una struttura di governance centrale.

La base tecnologica è costituita dalla piattaforma software Ezmeral di HPE che offre funzionalità quali accesso unificato ai dati distribuiti e controllo unitario dei cluster Kubernetes distribuiti. HPE fa inoltre affidamento su SPIFFE (Secure Production Identity Framework For Everyone) e SPIRE, (SPIFFE Runtime Environment), gli standard open-source per un’autenticazione sicura di servizi software attraverso l’uso di identità crittografiche indipendenti dalle piattaforme.

La piattaforma commerciale Cloud28+ consente ai clienti di utilizzare e monetizzare i propri dati e servizi attraverso un sito di intermediazione. Questa piattaforma è stata originariamente creata come catalogo di servizi della comunità Cloud28+ ed è ora accessibile all’uso da parte di singole organizzazioni, oltre che dalla rete di partner di HPE.

In quanto attivo contributore per gli standard e l’architettura di Gaia-X, HPE doterà il proprio framework per soluzioni delle interfacce, dei connettori e dei servizi necessari affinché i clienti possano connettersi senza problemi alla piattaforma e all’ecosistema di Gaia-X.

Disponibilità

HPE Solution Framework per Gaia-X e HPE Roadmap Service per Gaia-X sono disponibili in Europa. Sia singoli componenti di soluzioni sia interi ambienti vengono resi disponibili attraverso i servizi per il cloud HPE GreenLake. Le interfacce e i connettori per Gaia-X verranno resi disponibili non appena saranno definite le specifiche definitive di Gaia-X.

Informazioni su Hewlett Packard Enterprise

Hewlett Packard Enterprise è la società globale titolare della piattaforma distribuita come servizio che aiuta le organizzazioni ad accelerare la produttività generando valore da tutti i dati a propria disposizione, ovunque si trovino. Sorta da un impegno decennale per una rivisitazione del futuro e un’innovazione finalizzata a migliorare le condizioni di vita e lavoro delle persone, HPE propone soluzioni tecnologiche intelligenti, uniche e aperte, caratterizzate da esperienze uniformi su tutti i cloud e a ogni livello della rete, per aiutare i clienti a sviluppare nuovi modelli di business, coinvolgerli con modalità nuove e migliorare le prestazioni operative. Per ulteriori informazioni visitare www.hpe.com.

Il testo originale del presente annuncio, redatto nella lingua di partenza, è la versione ufficiale che fa fede. Le traduzioni sono offerte unicamente per comodità del lettore e devono rinviare al testo in lingua originale, che è l'unico giuridicamente valido.

Contatto editoriale:
Patrik Edlund
patrik.edlund@hpe.com

Permalink: http://www.businesswire.com/news/home/20210518006191/it

COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale di Business Wire

Video Economia



Vai al sito: Who's Who

Modifica consenso Cookie