Dl fisco: M5S chiede di ridurre peso rate

Emendamento per passare da 2 a 4 pagamenti l'anno dal 2020

Rate meno onerose per chi aderisce alla rottamazione ter. A chiederlo un emendamento M5S al decreto fiscale che ha l'obiettivo di "consentire il pagamento di importi più bassi ed agevolare il contribuente".

La proposta, depositata in commissione Finanze al Senato, prevede che restino 2 le rate per il 2019 (31 luglio e 30 novembre) e che dal 2020 le scadenze per i pagamenti siano invece diluite in 4 appuntamenti, "28 febbraio, 31 maggio, 31 luglio e 30 novembre".

Intanto proseguono le audizioni in commissione sulla manovra. Sentita oggi Bankitalia che ha fra l'altro frnito un dato relativo al 2017: l'anno scorso solo il 2% dei disoccupati che hanno trovato un lavoro dipendente nel settore privato lo ha fatto grazie ai centri per l'impiego. Nel corso dell'anno poco più del 25 per cento delle persone in cerca di lavoro ha avuto contatti con un centro per l'impiego. La manovra stanzia 2 miliardi in due anni per i centri, il cui rafforzamento è ritenuto essenziale per l'introduzione del reddito di cittadinanza.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video Economia



Vai al sito: Who's Who

Modifica consenso Cookie