• Crolla a Spezia un ponte levatoio di una darsena, nessun ferito

Crolla a Spezia un ponte levatoio di una darsena, nessun ferito

Durante operazione di apertura, era stato costruito nel 2010 è costato 9 milioni di euro

Ha ceduto improvvisamente il ponte levatoio della darsena di Pagliari, a Spezia. Stamani durante una manovra di chiusura del ponte, la struttura è crollata per cause in corso di accertamento. Non risultano feriti, durante le operazioni di apertura e chiusura la zona viene infatti interdetta. Il ponte levatoio, che si trova nella zona dei cantieri nautici e navali, permette l'uscita o l'ingresso di imbarcazioni dalla darsena.
Il traffico, da Spezia e da Lerici, è stato convogliato nelle vie limitrofe. Sono in corso accertamenti sulle cause.

I tecnici dell'Autorità portuale della Spezia e il magistrato di turno hanno eseguito un primo sopralluogo nei pressi del ponte crollato alla darsena Pagliari alla Spezia. Dai primi accertamenti è emerso che potrebbe essere stato un problema idraulico al momento della chiusura del ponte levatoio a provocarne la caduta. Sui tempi del ripristino al momento non ci sono indicazioni.

Il ponte mobile era stato inaugurato nel 2010 dall'Autorità Portuale e rappresentava un passaggio importante nella riqualificazione della zona. Lungo 21 metri, con un'antenna alta 14 metri che ricorda l'albero di una barca a vela, largo 12 metri, permette l'apertura per il passaggio delle barche a vela in un paio di minuti. L'opera ha permesso di garantire un passaggio diretto alla zona dei cantieri dalla città, sulla strada che poi prosegue fino a Lerici. Il progetto rientrava nella realizzazione della darsena di Pagliari, costata complessivamente oltre 9 milioni di euro.

"Ringrazio Polizia e Vigili del Fuoco che sono intervenuti immediatamente sul posto, fortunatamente non risultano feriti. Da questa mattina sono in contatto con il sindaco di Spezia Peracchini, l'assessore regionale alla protezione civile Giampedrone che si trova in città per avere ulteriori notizie e il presidente del porto Sommariva". Lo scrive in una nota il presidente ligure Giovanni Toti. "Si tratta di un ponte gestito dall'Autorità Portuale della città, di servizio ad una darsena per imbarcazioni da diporto. Fortunatamente nessuno si è fatto male. Il crollo del ponte non comporta problemi al traffico cittadino, stando a quanto mi ha spiegato il sindaco, dal momento che le auto passano in una via adiacente e parallela. Attendiamo le verifiche e le indagini che ci dovranno dire cosa non ha funzionato nel meccanismo che garantiva mobilità al ponte".

"Mentre il Governo perde ancora tempo a pensare di realizzare un ponte sullo Stretto di Messina, ossia nell'area a maggior rischio sismico del Paese, l'Italia diventa sempre di più il Paese dei ponti che crollano. Oggi, alla Spezia, il ponte mobile della Darsena di Pagliari è uscito dalla propria sede ed è crollato e il viadotto di valle Ragone, in A12, è stato chiuso ai tir oltre le 3,5 tonnellate. Ci chiediamo come sia possibile pensare a un'opera faraonica come il Ponte sullo Stretto quando non si è in grado di provvedere neanche alla manutenzione ordinaria dell'esistente, per di più in un anno sospeso nella pandemia con scarsa circolazione sia di persone che di mezzi". Così, in una nota, il responsabile nazionale organizzazione dei Verdi ed esponente di Europa Verde, Francesco Alemanni.
   

    RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

    Video ANSA




    Modifica consenso Cookie