Cronaca
  • Covid: oltre un milione di vaccinati. Abruzzo chiude le superiori

Covid: oltre un milione di vaccinati. Abruzzo chiude le superiori

14.218 nuovi positivi, 377 morti nelle ultime 24 ore. 'Preoccupano le varianti'

Sono 1.024.271 gli italiani a cui è stata somministrata anche la seconda dose di vaccino. E' quanto emerge dal sito del Governo sui dati delle vaccinazioni.

"La situazione sembra stabile in questo momento, con 14mila nuovi positivi oggi e con un numero di decessi che resta elevato e questo rappresenta un vero problema. Quindi la situazione non è particolarmente confortante anche se le misure prese fanno sì che quanto meno teniamo stabile il numero delle nuove infezioni". Lo ha detto il direttore della Prevenzione del ministero della salute Gianni Rezza alla conferenza stampa sul monitoraggio settimanale.

L'Iss, restare a casa. Zone rosse locali nelle Regioni

Nelle ultime 24 ore sono stati 14.218 i test positivi al coronavirus registrati in Italia. Lo rende noto il ministero della Salute. Giovedì i test positivi erano stati 13.659. Le vittime sono 377 (giovedì erano state 421). Sono stati 270.507 i test (tamponi molecolari e antigenici) effettuati nelle ultime 24 ore in Italia (giovedì erano stati 270.142, quindi appena 400 in meno), con un tasso di positività del 5,2% (giovedì era stato del 5,05%). Le persone ricoverate in terapia intensiva in Italia sono 2.142, in calo di 9 unità rispetto a giovedì, nel saldo tra ingressi e uscite; gli ingressi giornalieri sono 132. I ricoverati con sintomi sono invece 19.575, quindi 168 in meno di giovedì.

Il governatore dell'Abruzzo, Marco Marsilio, con un'ordinanza, impone "l'attivazione della didattica a distanza per 14 giorni, con decorrenza dal 08.02.2021, nelle scuole secondarie di secondo grado, su tutto il territorio regionale". Nel provvedimento viene evidenziato come il Gruppo tecnico scientifico regionale (Gtsr) abbia evidenziato "l'alto impatto che l'aumentata mobilità dovuta alla riapertura delle scuole e di comportamenti che non garantiscono il corretto distanziamento sociale" hanno sul "riacutizzarsi della circolazione del virus".

Vi è stata una sensibilizzazione dai medici di medicina generale circa la prudenza degli over 80 nel fare il vaccino e per questo tra i primi abbiamo chiesto di fare da testimonial a una personalità molto conosciuta del nostro territorio che ha più di 80 anni, molto ben portati, che è l'architetto Renzo Piano. Sarà tra i cittadini della Liguria che si presta come esempio, come stimolo per un vaccino che può salvare molte vite". Lo ha annunciato il presidente della Liguria Giovanni Toti nel punto stampa sull'emergenza covid. In regione, ha spiegato ci sarà una partenza "simbolica" delle vaccinazioni sugli over 80 venerdì 12.

Rezza: 'Varianti più trasmissibili, fare presto a vaccinare' - "Le varianti hanno maggiore trasmissibilità, quindi dobbiamo fare presto a vaccinare. E' una corsa contro il tempo cercando di coprire la popolazione rispetto sia al virus che circolando accumulano mutazioni e possono ridurre efficacia del vaccino". Lo ha detto l'epidemiologo Rezza aggiungendo che 'in una prima fase il piano dei vaccini prevede di coprire prima gli operatori sanitari per rendere libere da Covid le strutture ospedaliere e coprire le persone anziane. Dopo di che si procede a vaccinare gli over-80 e molte regioni hanno già iniziato. Poi bisogna scendere con l'ètà e andare a vaccinare categorie prioritarie come insegnanti e forze dell'ordine. Il piano tiene conto dei vaccini disponibili e delle caratteristiche della popolazione'. "A Chieti in Abruzzo è stata identificata la variante inglese che ha maggiore trasmissibilità ma per fortuna la risposta ai vaccini non è inficiata ma bisogna intervenire prontamente, anche perchè sembra possa infettare di più la popolazione pediatrica. Si stanno implementando zone rosse nei comuni colpiti".
"In Umbria sembra ci sia la circolazione di 2 varianti, quella inglese e quella brasiliana. In 2 campioni inviati dall'Umbria è stata riscontrata la variante brasiliana e a Perugia sono stati identificati dei cluster ospedalieri. In restanti 40 campioni la variante brasiliana sembra aver circolato nei cluster ospedalieri. Sono state prese molte misure". Con il vaccino AstraZeneca si darà la priorità a personale docente, forze armate e altre categorie particolarmente esposte per il loro lavoro. "E' meglio avere una regione gialla o arancione con zone rosse all'interno per contenere dei focolai dovuti magari a varianti piuttosto che avere un'intera regione rossa. Questo anche per preservare l'economia della regione". Lo ha detto il direttore della Prevenzione del ministero della salute Rezza.

Brusaferro: 'Decremento lentissimo curva, situazione stabile' - "L'Italia rimane stabile rispetto agli altri paesi europei nell'andamento dell'epidemia. Nell'ultimo periodo in Italia c'è un decremento lentissimo, quindi sostanzialmente una situazione di stabilità". Lo ha detto il presidente dell'Istituto superiore di sanità, Silvio Brusaferro, alla conferenza stampa sull'analisi dei dati del monitoraggio settimanale della Cabina di Regia, sottolineando che "continua il decremento dell'occupazione delle terapie intensive e ciò è positivo. I dati della popolazione affetta ci mostrano un'età mediana sotto i 50 anni, cosi come viene confermata la tipologia clinica degli infetti: gran parte è asintomatica, per il 70%". "Ci sono molte regioni che sfiorano Rt intorno a 1 e questo indica che c'è una situazione di stallo e non di decrescita della curva, e 13 regioni hanno un trend di casi in aumento. Tutto questo è un segnale di allerta e potenziale segnale di controtendenza che richiede grande attenzione nel mantenere le misure di mitigazione anche alla luce delle varianti", ha concluso

L'Rt nazionale dovrebbe restare anche questa settimana allo 0.84. Secondo quanto si apprende e' questo il valore che la cabina di regia sta valutando nel monitoraggio settimanale sul Covid in Italia con i dati Iss-Ministero della Salute.

Nella bozza previsto il cambio di fascia per la Sardegna. Da lunedi l'isola  potrebbe passare dalla fascia arancione a quella gialla, portando a 16 regioni e provincia autonoma nella fascia più 'light' della classifica. Una Regione (Umbria) e una PA (Bolzano) hanno un Rt puntuale maggiore di 1 anche nel limite inferiore compatibile con uno scenario di tipo 2. Le altre Regioni/PPAA hanno un Rt puntuale compatibile con uno scenario tipo uno, ma 5 regioni riportano il valore medio attorno all'1 (Abruzzo 0,99 - CI: 0,99- 1,05; FVG 1,03 CI: 0,99-1,08;, Liguria 0,95 CI: 0,89-1,00; Marche 0,95 CI: 0,86-1,05; Toscana 0,98 CI: 0,93-1,03). Lo rileva la bozza del monitoraggio settimanale della Cabina di regia.
Tredici regioni evidenziano un trend di casi in aumento. L'Italia si trova in un contesto "preoccupante per il riscontro di varianti virali di interesse per la sanità pubblica in molteplici regioni che possono portare ad un rapido incremento dell'incidenza", rileva la bozza del monitoraggio settimanale della Cabina di regia.

La diminuzione dell'incidenza a livello nazionale negli ultimi 14 giorni è più lieve di quella osservata le precedenti settimane: 273,01 per 100.000 abitanti (18-31 gennaio) contro 289,35 per 100.000 abitanti (11-24 gennaio), dati flusso Iss. Si segnala che in almeno uno dei flussi di sorveglianza coordinati dal Ministero della Salute e dall'Iss, 13 regioni evidenziano un trend di casi in aumento. Così nella bozza del nuovo monitoraggio della cabina di regia sul Covid in Italia. Incidenza resta molto nella Pa di Bolzano (686,57 per 100.000; 25-31 gennaio). In 3 regioni e province autonome incidenza superiore ai 200 per 100.000.

Si conferma "la necessità di mantenere la drastica riduzione delle interazioni fisiche tra le persone" e di "restare a casa il più possibile". È fondamentale poi che "la popolazione eviti tutte le occasioni di contatto con persone al di fuori del proprio nucleo abitativo che non siano strettamente necessarie".
In questa fase delicata dell'epidemia questi iniziali segnali di contro-tendenza potrebbero preludere ad un nuovo rapido aumento diffuso nel numero di casi nelle prossime settimane, qualora non venissero rigorosamente messe in atto adeguate misure di mitigazione sia a livello nazionale che regionale. Lo evidenzia la bozza del monitoraggio settimanale Iss-ministero della Salute.

L'attuale quadro a livello nazionale "sottende forti variazioni inter-regionali".  In alcuni contesti, si spiega, "un nuovo rapido aumento nel numero di casi potrebbe rapidamente portare ad un sovraccarico dei servizi sanitari in quanto si inserirebbe in un contesto in cui l'incidenza di base è ancora molto elevata e sono ancora numerose le persone ricoverate per COVID-19 in area critica"

Rt puntuale sopra l'1 in tre regioni: Umbria con il dato più alto (1.18), a seguire la PA di Bolzano a 1.06 e il Friuli Venezia Giulia a 1.03. Tutte le altre regioni sono sotto il valore soglia di 1, con l'Abruzzo e Toscana al limite, rispettivamente a 0.99 e 0.98. La PA di Trento il più basso a 0.61, seguono Veneto e Basilicata a 0.63. Lo dicono i dati del Monitoraggio Iss-Ministero della Salute, al 3 febbraio 2021 relativi alla settimana 25 gennaio-31 gennaio 2021

Si mantiene stabile il numero di Regioni/PPAA che hanno un tasso di occupazione in terapia intensiva e/o aree mediche sopra la soglia critica (7 Regioni/PPAA). Il tasso di occupazione in terapia intensiva a livello nazionale si colloca sotto la soglia critica (26%). Complessivamente, il numero di persone ricoverate in terapia intensiva è in diminuzione da 2.372 (26/01/2021) a 2.214 (02/02/2021); il numero di persone ricoverate in aree mediche è anche in diminuzione, passando da 21.355 (26/01/2021) a 20.317 (02/02/20201). Tale tendenza a livello nazionale sottende forti variazioni inter-regionali. Lo rileva il monitoraggio Iss.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie