Covid: Acquaroli, basta cambiare idea ogni giorno

'Non riesco a fare previsioni, non siamo più credibili'

(ANSA) - ANCONA, 18 DIC - "Non riesco più a fare previsioni.
    Sarò collaborativo, ma non sono d'accordo con un cambio continuo di strategia, genera confusione e disperazione. Se noi ogni 10 giorni diamo un messaggio contraddittorio rispetto a quello precedente diventa difficile risultare credibili e essere seguiti". Così Francesco Acquaroli, presidente della Regione Marche a "The Breakfast Club" su Radio Capital. "Diventa così più difficile anche combattere l'epidemia - ha aggiunto -. Se noi dobbiamo mandare un messaggio, il messaggio deve essere basato su una strategia di massima condivisa da tutti. Oggi che siamo quasi tutti in zona gialla, ci chiedono di tornare in zona rossa per evitare la terza ondata. Regioni che possono oggi respirare un po' per i numeri dei contagi che scendono, rischiano di tornare in lockdown". "Tutti siamo responsabili di questa confusione" ha continuato Acquaroli su Radio Capital "Le aziende stanno fallendo. Sono d'accordo con le chiusure, ma solo quando necessarie: ci sono momenti della giornata in cui ha senso bloccare le attività per evitare assembramenti e cenoni.
    Ma chiudere tutto è una scelta che comporta una responsabilità molto importante. Se qualcuno si vuole prendersi questa responsabilità deve farlo sul serio, garantire ristori totali e immediati", ha sottolineato. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie