Cronaca

  • Usa: foto soldatesse nude, scandalo si allarga alle Forze Armate

Usa: foto soldatesse nude, scandalo si allarga alle Forze Armate

Il Pentagono ha aperto una indagine sullo scandalo finito on line

Si allarga lo scandalo delle foto delle soldatesse nude su Facebook. Dopo le immagini pubblicate da alcuni Marine sul gruppo 'Marines United', con oltre 30mila 'amici', per il Pentagono si apre un altro caso imbarazzante: altre foto di soldatesse sono state scoperte su diversi siti internet, condivise da militari appartenenti ad altri rami delle Forze Armate. Secondo quanto scrive la Cnn, dopo la storia riportata da che si riferiva nello specifico ai Marine, e' emerso che foto di soldatesse sia nude che vestite sono state pubblicate su altri social di condivisione di immagini. La stessa Cnn, dopo aver visto i siti in questione, ha detto di aver trovato foto di donne appartenenti a diversi rami delle Forze Armate. Al momento non c'e' un'inchiesta a livello di ministero della Difesa, la Naval Criminal Investigative Service (Ncis) sta indagando solo sui Marine. Dopo la richiesta d'informazioni da parte della stampa americana, sia l'Aeronautica, l'Esercito, i Marine che la Marina hanno rilasciato ognuno dichiarazioni ufficiali, ribadendo anche la loro intenzione di andare a fondo nella questione e promettendo di punire eventuali colpevoli con provvedimenti sia amministrativi che penali.

Pentagono indaga su foto soldatesse nude online  - Il Pentagono avvia un'indagine sulla pubblicazione di foto di soldatesse nude sui social media. Il Dipartimento della Difesa punta ad accertare una possibile cattiva condotta nell'uso dei social media. ''Non tollereremo questo tipo di comportamento'' afferma il Pentagono, definendo inaccettabile la mancanza di rispetto per membri di forze militari. "Le presunte azioni di personale civile e militare sui social media, inclusi alcuni associati al gruppo Marine United e forse anche altri, rappresentano una violazione" dei valori del Dipartimento della Difesa, afferma il numero uno del Pentagono, John Mattis.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie