Marino:"Giunta in salute". Protesta M5S: "Tutti a casa"

Orfini a consiglieri Pd,"uniti". Sicurezza sindaco, niente bici

Un Campidoglio 'assediato' dal Movimento 5 Stelle. Dentro e fuori. Al grido 'Onestà' e 'Tutti a casa'. Proteste, occupazioni, una rissa sfiorata e lancio di monetine al sindaco di Roma per dire no ad un presidente dell'assemblea capitolina non pentastellato. Intanto il consiglio comunale ha scelto la sua nuova guida nella dem Valeria Baglio. E Ignazio Marino accetta il consiglio del suo predecessore Francesco Rutelli: una giunta aperta, allargata e di "salute pubblica". Per portare al pulizia invocata anche dal premier Matteo Renzi. Perchè ora il Pd vuole e deve fare quadrato attorno al sindaco. E il messaggio del presidente del Nazareno e commissario del Pd romano Matteo Orfini ai consiglieri del Pd è chiaro: "ora ci vuole unità". "Non vi azzardate a riprovarci con le spartizioni" avevano avvertito in mattinata dal blog di Beppe Grillo i portavoce M5S in Parlamento, Regione Lazio e Consiglio comunale di Roma.

E i Cinque Stelle hanno chiesto a gran voce la presidenza dell'assemblea capitolina 'decapitata' dopo le dimissioni di Mirko Coratti, esponente del Pd indagato nell'inchiesta 'Mafia Capitale'. Poi l'assedio al Campidoglio: l'ingresso a Palazzo Senatorio al grido 'Onestà', la protesta e l'occupazione dell'Aula Giulio Cesare urlando 'Fuori la mafia dallo Stato' e infine anche una rissa sfiorata e il lancio di monetine verso il sindaco. Il tutto per dire "il Comune va sciolto per mafia". E prima dell'inizio della seduta il Pd ha offerto al M5S la vicepresidenza dell'assemblea. "Sapete benissimo che Marino è un baluardo della legalità" dice il capogruppo del Pd Fabrizio Panecaldo a Luigi Di Maio, vicepresidente della Camera e componente del 'direttorio' pentastellato che gli risponde stizzito: "Questo lo dici tu che sei del Pd!".

Intanto l'assemblea capitolina, iniziata tra l'altro con una protesta in Aula di alcuni esponenti della Lega dei popoli che hanno gridato 'Marino vai a casa', 'Dimissioni', elegge il suo nuovo presidente, senza praticamente il voto delle opposizioni - Forza Italia, Fratelli d'Italia, Nuovo centrodestra e Lista Marchini si sono rifiutati di partecipare all'elezione. Arriva una poltrona 'in rosa'. Valeria Baglio sarà la nuova guida del consiglio comunale: "Roma non è marcia ma troppi hanno ordito per infangare il suo nome", dice tra un caos infernale. Il tutto proprio nel giorno in cui Ignazio Marino, da oggi non più in bici ma in auto per motivi di sicurezza, apre all'idea di una giunta di "salute pubblica", accettando così la proposta lanciata dall'ex sindaco Francesco Rutelli: "Mi sembra una proposta condivisibile - spiega il chirurgo dem -, ma non so se i M5s sono disponibili; ci vogliono persone al di sopra di ogni sospetto". Ma l'ombra sembra essere in agguato su tutti. Su Facebook Matteo Calvio, uno degli arrestati nell'inchiesta Mafia Capitale e considerato un picchiatore di Carminati, annunciava nel giugno del 2012: "sono un membro di M5s". Anche se Rocco Casalino, capo comunicazione al Senato dei 5 Stelle, precisa che "tale personaggio non hai mai ricoperto alcun incarico all'interno del M5s".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie