A Norcia ritorno a scuola al 100 per cento tra gioia e timori

"Restiamo cauti" dicono gli studenti delle superiori

(ANSA) - NORCIA (PERUGIA), 26 APR - "Il ritorno a scuola in presenza al 100% ci rende felici, anche se personalmente resto un po' cauto perché l'emergenza Covid già più volte ci ha costretto alla didattica a distanza": a parlare all'ANSA, stamani prima di entrare in classe, è Federico, studente del quinto anno di Scienze umane dell'Istituto "De Gasperi-Battaglia" di Norcia. Accanto a lui Lucrezia, che frequenta la stessa classe e ricorda quanto sia stato duro affrontare l'emergenza, che in queste terre si è sommata a quella del post terremoto: "Sono stati 5 anni complicati" racconta. "Abbiamo iniziato le Superiori nelle tende - dice ancora Lucrezia -, poi nei container è quanto, finalmente avevamo una scuola vera, seppur provvisoria, è arrivata la pandemia che ci ha confinato a casa e se si vive in una Sae è tutto più difficile per via degli spazi ridotti". "Anche se la dad - interviene Federico - non è più il quel mostro che fa paura. Ci siamo abituati a seguire le lezioni in questo modo, che è stato sicuramente peggiore rispetto alla scuola in presenza, ma comunque si è rivelato un valido alleato". Per Lucrezia e Federico si va dritti verso l'esame di maturità: "Speriamo di arrivarci senza dover tornare in dad e lo affronteremo con tutte le ansie e le preoccupazioni con cui è stato affrontato dagli studenti degli anni passati". "Anche se si svolgerà con modalità diverse sarà comunque una prova complicata", dicono i due studenti. Alla domanda se sia stato più difficile affrontare l'emergenza sisma o Covid, Lucrezia spiega che "sono due cose completamente differenti, ma sono certa che riusciremo a superarle entrambe". "In particolare per le classi prime e per le quinte questo è l'ennesimo ritorno completo a scuola ed è forse il più difficile perché siamo chiamati a ricostruire quella normalità e relazionalità che si sono interrotte bruscamente", spiega la dirigente scolastica Rosella Tonti. (ANSA).
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA




Modifica consenso Cookie