Basilicata
  1. ANSA.it
  2. Basilicata
  3. Mafia: estorsioni e guardianie movente degli incendi a Scanzano

Mafia: estorsioni e guardianie movente degli incendi a Scanzano

Il Procuratore Curcio: "L'indagine non si ferma qui"

(ANSA) - POTENZA, 24 GEN - Richieste estorsive di denaro - di diecimila euro al proprietario di una struttura balneare e di novemila euro ai componenti della sua stessa famiglia - risentimenti e vendette personali, conti in sospeso per l'attività di guardiania: sono questi alcuni degli elementi emersi dal quadro indiziario a carico di Davide Suriano, che il Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Potenza, Francesco Curcio, ha descritto ai giornalisti, dopo l'arresto dell'uomo considerato responsabile dei cinque incendi verificatisi nel maggio 2022 a Scanzano Jonico (Matera).
    "Atti devastanti e di gravissimo pericolo per l'incolumità pubblica - ha detto Curcio - commessi da un soggetto che, sulla base dei gravi indizi a suo carico, nel giro di dieci giorni, fa danni rilevantissimi e che suscitano grave allarme sociale, mettendo persino a rischio la stagione balneare per un centro che vive anche di questo".
    Il movente, per gli inquirenti, ruotava intorno alle "guardianie delle attività economiche e balneari. Si tratta - ha spiegato il procuratore - di una delle prime attività alla quale si sono de sempre dedicate le diverse criminalità organizzate.
    Imporre e trarre utilità dalla guardiania è l'abc del crimine organizzato".
    "L'indagine su eventuali complicità, ricostruzioni su mandanti, complici e favoreggiatori - ha concluso Curcio - considerato anche il contesto ambientale in cui Suriano si muoveva, tipico di chi ha contatto con la criminalità organizzata, andrà avanti". (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA



      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere


      Modifica consenso Cookie