• Pef Italia, a gennaio due giornate per ripensare il futuro energetico
Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.

Pef Italia, a gennaio due giornate per ripensare il futuro energetico

Attese 250 persone a Madonna di Campiglio, tra gli ospiti anche Don Mazzi e i vertici delle imprese green. L'azienda fiorentina lancia il progetto “Pef Power” per fornire energia pultia su tutto il territorio nazionale.

Pagine SÌ! S.p.A.

Energia pulita, libera e a basso costo. Sono questi i capisaldi che muovono il meeting organizzato al Teatro Pinzolo di Madonna di Campiglio in Trentino il 19 e 20 gennaio. Pef Italia, azienda fiorentina fornitrice di energia green e leader italiana nel settore del fotovoltaico lancerà infatti dalla prestigiosa località sciistica un nuovo ramo d'azienda dedicato ai servizi energetici a cittadini ed imprese che andrà a sostituire l'attuale “Smart”.

L'obiettivo è quello di arrivare a luglio 2019, momento nel quale la liberalizzazione dei contatori di luce e gas sarà effettiva al cento per cento per tutti, con il vento in poppa. Nei piani industriali di Pef Italia c'è quello di passare dai 40mila clienti attuali (circa 120mial persone) ai 300mila nel 2022 e di approdare, un anno prima, nel 2021 in Spagna. “Da Madonna di Campiglio- spiega Antonio Belsole fondatore di Pef Italia- vogliamo guardare al futuro con una pluralità di soggetti che come noi hanno medesime priorità: l'efficientamento energetico e le rinnovabili”. Belsole nell'annunciare il meeting aggiunge: “Energia verde, energia libera e crescita saranno i concetti chiave che ci porteranno direttamente al luglio 2019”.

A livello mondiale, stando ai dati elaborati dal Fraunhofer Institute for Solar Energy Systems, il tasso di crescita annuale della potenza del fotovoltaico è stato pari al 40% tra il 2010 e il 2016. L’anno scorso, l’Europa contava il 33% della potenza solare installata a livello mondiale. Anche l'Italia sta facendo bene con numeri in costante crescita e primati europei. “Il futuro- conclude Belsole- sarà completamente elettrico sia per l'aspetto dei consumi che dei trasporti”.

Archiviato in