Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.

Bryndiamo in lingua, l’inglese si impara all’happy hour

Pagine SÌ! S.p.A.

Imparare l’inglese sui libri non basta più? Non per «Bryndiamo in lingua», l’happy hour dove la parola d’ordine è «imparare divertendosi». Un’occasione per approfondire l’inglese in tutte le sua sfumature davanti a un aperitivo e a un drink, chiacchierando del più e del meno con insegnanti madrelingua provenienti ogni volta da Paesi diversi, dalla Scozia all’Australia, dal Canada all’Irlanda. A lanciare questa formula innovativa è Geakoinè, una delle maggiori agenzie italiane specializzate nella traduzione e produzione di documentazione multilingue, con una rete di oltre centinaia di traduttori madrelingua e consulenti in tutto il mondo, specializzati nei più specifici settori tecnici e linguistici e con un know-how che si basa su memorie di traduzione personalizzate e un rigoroso, doppio controllo qualità.
Traduzioni e non solo. Attività di interpretariato, organizzazione congressuale, servizi hostess di ricevimento per eventi e fiere aziendali, corsi di lingue, anche in italiano, e affiancamento scolastico completano la gamma dell’agenzia di Bergamo fondata nel 1987 da Maria Teresa Lodi: «Dal ragazzo che vuole fare un’esperienza all’estero al manager che deve approfondire le sue competenze di business english o di un linguaggio settoriale specifico, organizziamo percorsi formativi personalizzati studente-insegnante, con orari e frequenza flessibili, anche presso le sedi delle aziende - conferma Maria Teresa Lodi -. I corsi di gruppo consentono inoltre di affinare l’ascolto, il dialogo e la comprensione tramite conversation con insegnanti madrelingua».
Corsi su misura, quindi, ma non solo: Geakoinè in questi anni ha ideato diverse iniziative per imparare l’inglese che coniugano apprendimento, comunicazione e divertimento: dai laboratori per bambini a «Vyaggiamo in lingua» e «Bryndiamo in lingua», dove i partecipanti si ritrovano in un locale, o nella nostra sede di Bergamo, e dialogano tra di loro e con insegnanti madrelingua provenienti ogni volta da una nazione diversa. «È un modo divertente per apprendere una lingua straniera, i suoi accenti e le sfumature lessicali – conclude Maria Teresa Lodi - e ovviamente di conoscere la cultura di un Paese in un’atmosfera amichevole e insolita rispetto alla classica didattica».

Archiviato in