La Consulta Antiusura il 21 a Pompei

Per celebrare S. Matteo, Patrono delle Fondazioni Antiusura

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 18 SET - Le Fondazioni Antiusura riunite nella Consulta Nazionale Antiusura Giovanni Paolo II il 21 settembre per la prima volta celebreranno San Matteo Apostolo, Patrono delle Fondazioni Antiusura. Alle ore 18,00 presso il Pontificio Santuario della Beata Vergine di Pompei, con il Santo Rosario "Contemplare con Maria il voto di Cristo nei poveri, vittime dell'usura e dell'azzardo, guidato da Mons. Alberto D'Urso, presidente della Consulta Antiusura, i volontari delle Fondazioni provenienti da tutta Italia si uniranno nella preghiera per le persone, famiglie, imprese indebitate e per la conversione degli usurai affinché questi ultimi siano coinvolti dallo stesso percorso di cambiamento che ha catturato San Matteo Apostolo. Seguirà la Celebrazione Eucaristica L'appuntamento è stato concordato con l'Arcivescovo-Delegato Mons. Tommaso Caputo.
    La proclamazione dell'apostolo ed evangelista Matteo, fortemente voluta dai volontari delle 29 Fondazioni Antiusura, è stata comunicata alla Consulta Antiusura il 26 dicembre 2016, tramite il decreto della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti, che ha confermato l'elezione di San Matteo Apostolo a Patrono delle Fondazioni Antiusura.
    "La preghiera è fondamentale nel servizio dei volontari della Consulta Nazionale Antiusura e delle Fondazioni Antiusura d'Italia che dedicano alle vittime dell'usura e dell'azzardo, anche defunte, ha dichiarato Mons. Alberto D'Urso. È Dio che benedice la fruttificazione della semina di bene che i collaboratori realizzano. L'invito alla preghiera è rivolto a tutti i credenti affinché la Madonna interceda per questo servizio gratuito e con spirito evangelico reso dai volontari; promuova la conversione degli usurai e di quanti in Italia sono responsabili della diffusione dell'azzardo che rende povera e disperata tanta gente.
    L'usura e l'azzardo sono piaghe che danneggiano sia l'economia del Paese, sia la salute delle persone con la dipendenza dal gioco. A coloro che sono a conoscenza del nostro servizio rivolgiamo l'invito a indirizzare le vittime dell'usura e dell'azzardo alle sedi delle Fondazioni Antiusura operanti in tutto il territorio nazionale, dove possono incontrare i consigli e la solidarietà dei Volontari, professionisti disponibili e preparati nel percorso di uscita dal tunnel umiliante di queste schiavitù".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA