Juventus ripartenza falsa, tanto lavoro per Sarri

Ronaldo senza verve, ma tanti dubbi dopo seconda Coppa persa

Dall'illusione dei "30 minuti migliori della stagione",nella semifinale con il Milan, alla delusione della Coppa Italia persa ai rigori, il passo è breve. E la delusione è tanta. Per Maurizio Sarri, per la società e la squadra abituate a vincere in Italia, per i tifosi, che oggi sui social si sono già scatenati a chiedere la testa del tecnico ex Napoli e Chelsea. Dopo il secondo trofeo sfumato nella stagione - il primo è stato la Supercoppa Italiana vinta dalla Lazio a fine dicembre - sul conto della Juventus di Sarri i dubbi si moltiplicano. Il punticino di vantaggio sui biancocelesti in campionato sembra ancora più piccolo dopo il non gioco e la poca rabbia all'Olimpico di Roma. In 180' i bianconeri non sono riusciti a segnare lo straccio di un gol, l'attacco con il tridente Douglas Costa-Dybala-Ronaldo non riesce a ingranare, neppure quando il fuoriclasse portoghese gioca largo come piace a lui. Lo stesso Ronaldo ha deluso, stenta a ripartire.

L'assenza di Higuain pesa, il centrocampo non è brillante. Lo scontento di CR7 cresce e oggi il suo lo stato d'animo è stato interpretato anche dalla sorella, Elma Aveiro, autrice di un post al veleno su Instagram accanto a un mix di foto di Cristiano triste e sconsolato alla fine di Juve-Napòli "Cosa altro puoi fare? Niente di più. Il mio tesoro da solo non fa miracoli. Non riesco a capire come si possa giocare in questo modo", le frecciate della sorella, seguita da 390 mila followers. Ad aggravare il quadro ci sono anche gli infortuni: Higuain e Chiellini, assenti nelle due partite di Coppa Italia, sono in fase di recupero: il quasi 36enne capitano a febbraio era rientrato dopo un grave infortunio a un ginocchio ed è stato i costretto, come tutti, all'interminabile stop per il Coronavirus: non è facile ritrovare la condizione. Al 'Pipita', reduce da un acciacco muscolare, toccherà invece di smentire tante perplessità. Ma è un attaccante che serve tantissimo a Sarri.

I nuovi infortunati sono Khedira e Alex Sandro.: il guaio più grave riguarda il centrocampista tedesco, 33 anni, ha subito la lesione parziale del tendine del muscolo lungo adduttore della coscia destra. Rischia di non essere disponibile per tutti i 3 mesi della 'coda' stagionale. Il difensore brasiliano, fermato da una lesione di primo grado del legamento collaterale mediale, potrebbe restare fuori un mese. La rosa della Juventus che sembrava ricca e abbondante, si è impoverita. Sarri guarda al doppio lungo impegno estivo, in campionato e in Champions, con qualche apprensione in più. Ora i bianconeri, sconfitti in due finali su due, devono ritrovare un po' dell'autostima che è stata, con le qualità tecniche dei campioni, una dote quasi sempre decisiva.

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie