Atalanta in lutto per Cometti, esempio fedeltà

Una nota sul sito ufficiale dedicata al grande portiere

L'Atalanta piange Zaccaria Cometti, scomparso stamattina a Romano di Lombardia, dov'era nato il 7 gennaio 1937, per complicazioni da Coronavirus. Lo fa attraverso una nota sul sito ufficiale. "Atalanta in lutto per la scomparsa di Zaccaria Cometti. Bergamasco di Romano di Lombardia, Cometti è uno dei portieri cresciuti alla scuola di Carletto Ceresoli, gioca in Prima Squadra per 11 stagioni, diventa poi allenatore del vivaio, quindi allenatore in seconda ed infine, dal 1975 al 1990, allenatore dei portieri. In totale sono 38 anni: è un assoluto esempio di fedeltà ai colori nerazzurri", si legge.

Il club bergamasco ne sottolinea l'importanza nella propria storia: "Zaccaria Cometti fa parte dell'indimenticabile e storica Atalanta che il 2 giugno 1963 a San Siro supera in finale 3-1 il Torino conquistando la Coppa Italia - chiosa il comunicato -. È da considerare tra gli atalantini di sempre. Il presidente Antonio Percassi e tutta la famiglia Atalanta partecipano al dolore dei familiari ai quali rivolgono le più sincere e commosse condoglianze. 
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie