Show stelle boxe senza vincitori, Tyson ricorda Maradona

Iron Mike: "Era un mio eroe. Nel 1986 i nostri due Mondiali". Duello con Roy Jones a Los Angeles

Non c'è vincitore nella notte di stelle allo Staples Center di Los Angeles: termina in parità l'incontro tra Mike Tyson e Roy Jones Jr. .Finisce in pareggio il ritorno sul ring di 'Iron' Mike, a 15 anni di distanza dal ritiro ufficiale dal pugilato professionistico: nella notte italiana l'ex campione del mondo dei pesi massimi ha chiuso in parità il match esibizione con Roy Jones Jr. Tyson, 54 anni, e Jones, 51, hanno dimostrato aggressività e voglia di lottare fino all'ultimo degli otto round, ciascuno dalla durata di due minuti, allo Staples Center di Los Angeles. I due ex campioni si sono battuti al massimo, con l'obiettivo di vincere e mostrare al mondo di essere due leggende senza tempo. Obiettivo in ogni caso ampiamente centrato, nonostante il verdetto di pareggio da parte dei giudici Wbc che forse lascia qualche rimpianto ai due contendenti. 

I cartellini della sfida fra Tyson e Jones (che ha combattuto utilizzando dei guantoni gialloviola in onore di Kobe Bryant) sono stati compilati, in modalità remoto, da tre ex campioni come Christy Martin, Vinny Pazienza e Chad Dawson che non erano presenti ma hanno seguito in Tv questa singolare sfida. Arbitrata da quel Ray Corona che aveva il mandato di interrompere il confronto in qualsiasi momento se ci fosse stato qualche rischio di troppo per i contendenti, incitati un paio di volte dallo stesso Corona a darci dentro. Alla fine Tyson non è sembrato troppo convinto dal verdetto di parità. "Pensavo di aver vinto, e anche in maniera netta - il commento di 'Iron Mike' -, però va bene anche così. Ho intrattenuto la folla che ci ha visto in televisione, e questo è ciò che importa. Qui non si trattava di combattere per un titolo ma per uno scopo umanitario. Roy ha smesso di combattere solo da tre anni ma aveva paura di farsi male. Io non combattevo da 15 anni e non sono andato male, considerato che il match l'ho fatto io . Pensavo di essere stato il migliore soprattutto nella boxe a distanza ma sono d'accordo per il pari . Potremmo doverlo fare di nuovo". Concorda Jones: "non sono soddisfatto del verdetto, ma l'accetto: l'importante è aver dato spettacolo. Sono pronto a rifare il match, è stato un onore aver preso pugni da Mike". Poi ancora Tyson, per una dedica speciale: "La mano di Dio, Maradona ci ha lasciato. Nel 1986 abbiamo vinto entrambi i nostri campionati mondiali. Era uno dei miei eroi, e un amico. Lo rispettavo tanto, e ci mancherà".

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie