Mondo

Elon Musk

Da Tesla a SpaceX e Twitter, l'impero di Musk

L'impero di Elon Musk cresce con Twitter. La società che cinguetta si va infatti ad affiancare al colosso delle auto elettriche Tesla e a SpaceX per la conquista di Marte, oltre che a Neuralink e The Boring Company, la società specializzata in servizi di costruzioni di infrastrutture e tunnel salita anche alle cronache per aver venduto a tempo limitato un 'lanciafiamme'.
Pur diversificando l'impero di Musk, Twitter potrebbe rivelarsi come uno dei maggiori grattacapi per l'uomo più ricco del mondo, sostenitore della libertà di parola a tutti i costi e per tutti. Una posizione per la quale è già stato travolto di critiche e che, guardando avanti, lo esporrà ancora di più . C'è infatti chi ha già bollato le elezioni presidenziali del 2024 'Elon Election'.
Musk ha mosso i suoi primi passi a 12 anni con l'invenzione di un videogioco, Blastar, poi venduto per 500 dollari. Nel 1995 ha fondato Zip2 insieme al fratello Kimball, e l'ha poi ceduta qualche anno dopo a Compaq per 307 milioni. La vendita fruttò a Musk i suoi primi 22 milioni, un tesoretto con il quale ha gettato le basi del suo impero. Nel 1999 ha fondato X.com, divenuta successivamente PayPal. Nel 2006 si è schierato a sostegno di SolarCity, società di energie rinnovabili fondata da due suoi cugini e acquistata successivamente da Tesla.
Tesla è la creatura di Musk, quella che lo ha portato alla ribalta sul palcoscenico mondiale. Il miliardario l'ha co-fondata e nel 2008 ne ha assunto le redini: da allora Tesla - a dispetto delle cassandre - si è imposta a livello globale e spinto la sua attività al di là della sola produzione di auto. Tesla conta infatti gigafactory in giro per il mondo ed è una delle società che vale di più al mondo.
SPACEX è stata fondata da Musk nel 2002 ed è divenuta una delle protagoniste dell'industria spaziale, con soddisfazione del miliardario-visionario ossessionato dalla conquista di Marte. L'obiettivo di lungo termine di SpaceX è infatti quello di raggiungere il pianeta rosso e costruirci una città.
NEURALINK è un altro gioiello di Musk. Specializzata in intelligenza artificiale sta lavorando a un progetto per collegare direttamente il cervello a una macchina, un dispositivo, con sviluppi potenziali enormi a partire dal campo sanitario. Il chip può infatti consentire a un computer di tradurre in azioni in tempo reale i pensieri di una persona.
THE BORING COMPANY vale 5,67 miliardi ed è stata fondata da
Musk nel 2016 con l'obiettivo di costruire hyperloop ad alta velocità come sistemi di trasporto nelle città.
TWITTER è l'ultima aggiunta all'impero del miliardario che con la piattaforma ha un rapporto di amore e odio. L'ha acquistata al termine di mesi di braccio di ferro e da subito ha impresso il suo stampo cacciandone i vertici.
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA



Modifica consenso Cookie