• Covid: Sardegna fa ricorso contro l'arancione. Governatori Lega, cambi il sistema valutazione

Covid: Sardegna fa ricorso contro l'arancione. Governatori Lega, cambi il sistema valutazione

L'isola non rinuncia a insistere con il Governo con l'obiettivo di ottenere un passo indietro e ritornare così in zona gialla

 la Sardegna non rinuncia a insistere con il Governo con l'obiettivo di ottenere un passo indietro e ritornare così in zona gialla. L'assessorato regionale della Sanità sta preparando il dossier da consegnare all'ufficio legale della Regione per poter promuovere il ricorso contro la decisione di Roma di clasfificare l'Isola in zona arancione sino al 7 febbraio. Una scelta definita dallo stesso governatore Christian Solinas "paradossale", fatta proprio mentre l'Amministrazione ha inaugurato 30 posti letto in terapia intensiva all'AoU di Sassari e mentre altri quattordici sono già pronti a Cagliari, nella struttura Covid del Binaghi. Il rischio "alto" che ha fatto finire la Sardegna in zona arancione è proprio legato, tra le altre cose, al superamento della soglia del 30% (di un punto percentuale, 31%) dei posti occupati in terapia intensiva tra l'11 e il 17 gennaio. Ma attualmente, secondo l'ultimo rapporto Agenas, quella percentuale è calata al 24%. Sulla questione dati sono divampate le polemiche politiche. In particolare, si sono chiesti alcuni esponenti dell'opposizione, se l'incremento delle terapie intensive fosse stato comunicato prima sarebbe cambiato qualcosa? L'assessore della Sanità Mario Nieddu ha già chiarito che "Il dato sulle nuove terapie intensive lo abbiamo inviato sabato, quando sono state aperte. Prima non era possibile". Intanto, le minoranze in Consiglio regionale hanno firmato la richiesta al presidente della commissione Sanità Domenico Gallus per integrare l'ordine del giorno della seduta di domani dedicata all'audizione del commissario straordinario Areus sui servizi attivati durante l'emergenza sanitaria. "È urgente che l'assessore alla Sanità sia presente alla riunione - scrivono i capigruppo dell'opposizione - in merito ai dati trasmessi dalla Regione alla cabina di regia nazionale e alle disposizioni che hanno portato la Sardegna in zona arancione: parliamo di un tema di estrema importanza per le connessioni con la salute pubblica e con l'economia dei nostri territori. Deve essere affrontato nella sua interezza, con la massima trasparenza e senza alcuna omissione". Si tratta, infatti, "del tema su cui è più importante la massima chiarezza, anche per poter percorrere tutte le eventuali strade per una rivendicazione precisa a livello nazionale da parte della Sardegna".

Intanto i governatori della Lega rinnovano "la richiesta di una revisione immediata delle procedure" per determinare il colore delle Regione in modo da "affrontare con serenità maggiore una grave situazione". "Il governo non può ad ogni problema esimersi da responsabilità e incolpare le regioni" sottolineano Massimiliano Fedriga (Friuli Venezia Giulia), Attilio Fontana (Lombardia), Chtistian Solinas (Sardegna), Nino Spirli (Calabria), Donatella Tesei (Umbria) e Luca Zaia (Veneto).

"Il sistema - sostengono i goernatori del Carroccio - può avere conseguenze devastanti sulla vita delle persone e sull'economia, come nel caso della Lombardia, quindi è necessario il massimo rigore nell'analisi dei dati".
Da qui la richiesta di una revisione. "Ci aspettiamo da Conte e Speranza un atto di realismo e maturità nei confronti dei cittadini e delle istituzioni. Il clima degli insulti - proseguono - non fa bene a nessuno. Ribadiamo la volontà di una leale collaborazione su tutti i temi, dai vaccini alle misure per contrastare la diffusione del virus ma ci aspettiamo dall'esecutivo lo stesso spirito e volontà per il bene del Paese e di tutti i cittadini" 

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie