Coronavirus: 1.500 morti in Usa in 24 ore. Trump: 'Primato nei casi un onore'

A metà giugno il totale potrebbe salire a quota 113.000. In Brasile 1.179 morti in un giorno

Nel mondo sono 321.593 i morti per coronavirus. La maggior parte negli Stati Uniti: 91.872, 1.500 nelle ultime 24 ore. Seguono Gran Bretagna (35.422) e Italia (32.169). In Brasile 1.179 morti in un giorno portano il totale dell'America Latina a quota 31.900. Il Perù sfiora i 100.000 contagiati. L'Oms: 'niente euforia, il virus circola ancora'.

STATI UNITI - I morti per coronavirus sono stati 1.500 nelle ultime 24 ore. E' quanto emerge dai dati della John Hopkins University, secondo la quale i casi complessivi sono 1,52 milioni con 91.845 decessi. Secondo le ultime proiezioni, i decessi per coronavirus nel Paese potrebbero raggiungere quota 113.000 alla metà di giugno. Una media di 1.000 morti al giorno per i prossimi 25 giorni. 

Il fatto che gli Usa abbiano il più alto numero di casi di coronavirus nel mondo "lo considero, in un certo senso, una buona cosa perché significa che i nostri test sono molto meglio. Quindi lo vedo come un distintivo d'onore". Lo ha detto Donald Trump parlando con i giornalisti dopo la prima riunione di gabinetto alla Casa Bianca dall'inizio dell'epidemia. A Trump - riferisce la Bbc - era stato chiesto se stesse valutando un divieto di viaggio in America Latina, soprattutto in Brasile, terzo al mondo per contagi. Secondo Trump aver registrato un così alto numero di contagi "è un grande tributo ai test e a tutto il lavoro svolto da molti professionisti". Secondo il Centers for Disease Control, gli Stati Uniti hanno condotto fino a martedì 12,6 milioni di test di coronavirus. Stando ai dati della Johns Hopkins University, in tutto il paese si contano oltre 1 milione e mezzo di casi di Covid.

Il Comitato Nazionale Democratico ha criticato il presidente americano Donald Trump per aver detto che in un certo senso l'alto numero di contagi da coronavirus negli Usa è un "onore" perché vuol dire che i test effettuati sono migliori che altrove. I dem - riporta la Bbc - hanno risposto che il milione e mezzo di casi registrati nel Paese rappresentano "un completo fallimento della leadership".

BRASILE - Record di vittime per Covid-19 in un giorno: nelle ultime 24 ore si registrano 1.179 morti, che portano la cifra totale a 17.971. Lo rivela il ministero della Salute. I nuovi contagi sono 17.408, per un totale di 271.628.

REGNO UNITO - L'Università di Cambridge si 'sposterà' sul cyberspazio dal prossimo settembre per cercare di contenere la diffusione del coronavirus. Il prestigioso ateneo britannico, riporta Sky News, terrà tutte le sue lezioni online nell'anno accademico 2020/2021. L'annuncio segue una simile iniziativa da parte dell'Università di Manchester. "Dato che è probabile che il distanziamento sociale sarà ancora necessario, l'università ha deciso che non ci saranno lezioni faccia-a-faccia durante il prossimo anno accademico", ha annunciato Cambridge in un comunicato. "Le lezioni continueranno ad essere offerte online e potrebbe essere possibile ospitare gruppi di insegnamento più piccoli in persona purché ciò sia conforme con i requisiti di distanziamento sociale - prosegue la nota -. Questa decisione è stata presa ora per facilitare la pianificazione, ma come sempre sarà rivista in caso di modifiche delle direttive ufficiali sul coronavirus"

SPAGNA - L'uso delle mascherine sarà obbligatorio da domani  a partire dall'età di sei anni sia in strada, sia nei luoghi pubblici come i negozi quando non è possibile rispettare la distanza di sicurezza di almeno due metri: è quanto emerge da un decreto pubblicato oggi dal governo. Saranno esentate dall'uso della mascherina le persone che soffrono di difficoltà respiratorie o quelle che possono giustificare altre cause di "necessità o di forza maggiore". Il testo non specifica le eventuali sanzioni che verrebbero applicate per il mancato rispetto del decreto. Nel Paese è già in vigore dal 4 maggio l'uso delle mascherine sui mezzi pubblici. Il governo spagnolo ha abrogato il divieto d'ingresso nel Paese, imposto oltre due mesi fa, per gli aerei e le navi passeggeri - ad eccezione di quelle da crociera, il cui attracco nei porti spagnoli è ancora vietato indipendentemente dal Paese da cui arrivino - provenienti dall'Italia. Rimane tuttavia in vigore, per tutti gli stranieri in arrivo nel Paese, l'obbligo di quarantena di 14 giorni imposto la settimana scorsa da Madrid. E il governo ha chiarito che la manterrà fino a quando durerà lo stato di emergenza, verosimilmente a metà giugno.

GRECIA - Riaprirà le sue frontiere al turismo il 15 giugno. Lo ha annunciato il premier Kiryakos Mitsotakis intervenendo ad un vertice quadrilaterale con Serbia, Bulgaria e Romania per fare il punto sulle prospettive di ripresa della regione dopo la pandemia di coronavirus. Mitsotakis, inoltre, si è detto d'accordo per la riapertura dei confini il primo giugno per i viaggi d'affari, i lavoratori stagionali e i componenti familiari residenti in altri Paesi.

RUSSIA - Superati i 300.000 casi accertati di Covid-19 e nel corso dell'ultima giornata ha registrato anche il maggior numero di morti in 24 ore: 135 contro i 115 di ieri. Stando ai dati annunciati dal centro operativo anticoronavirus, dall'inizio dell'epidemia sono stati registrati 308.705 contagi e, ufficialmente, i decessi provocati dal nuovo virus sono 2.972. I nuovi casi accertati nelle ultime 24 ore sono 8.764: si tratta della cifra giornaliera più bassa degli ultimi 18 giorni.

IRAN - Salgono a 126.949 i casi di Covid-19, con 2.346 contagi registrati nelle ultime 24 ore. Le nuove vittime confermate sono 64, per un totale di 7.183 decessi dall'inizio della pandemia. I malati in terapia intensiva scendono a 2.673, mentre i pazienti guariti crescono a 98.808. I test effettuati finora ammontano a 731.213. Lo ha riferito nel suo bollettino quotidiano il portavoce del ministero della Salute iraniano Kianoush Jahanpour, spiegando che in alcune città si registra un'allarmante aumento dei malati, ad alcune settimane dall'eliminazione di molte delle restrizioni previste per contrastare la diffusione del coronavirus. Tra queste località ci sono Ahvaz, Bushehr, Kermanshah, Khorramabad e Isfahan, dove sono state ripristinate rigide limitazioni, compresa la chiusura di negozi e luoghi pubblici.

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie