Baviera, crollano Csu e Spd, boom dei Verdi. Seehofer non fa autocritica

Merkel: 'Governo riguadagni fiducia elettori'

"Noi siamo per la stabilità in Baviera, perciò abbiamo deciso di votare per Markus Soeder come presidente e di formare il più velocemente possibile il governo". Lo ha detto il leader della Csu, Horst Seehofer, a Berlino, in conferenza stampa, commentando risultato e sviluppi delle elezioni Baviera, dove i cristiano-sociali sono crollati anche a causa delle liti nel governo centrale, sollevate proprio dal ministro degli Interni. . "Vogliamo parlare con tutti, tranne che con l'AFD", ha aggiunto, ricordando che in Baviera le regole danno solo quattro settimane di tempo per formare il governo dopo le urne.

"La Csu vuole continuare a svolgere il suo lavoro, come fattore di stabilità nella Grosse Koalition a Berlino. Noi vogliamo questa Grosse Koalition, vogliamo continuare a lavorare insieme e vogliamo cooperare in modo costruttivo"n il leader della Csu. 

Seehofer ha poi nuovamente escluso di mettere in discussione nei prossimi giorni il proprio ruolo, dopo la sconfitta in Baviera, ma ha affermato che le conseguenze, eventualmente anche sul personale, saranno affrontate "prima di Natale". "Dobbiamo fare un'analisi ampia, su Monaco, su Berlino, sui nostri partiti. E poi tireranno delle conclusioni". Seehofer ha tuttavia affermato anche che "potranno esserci delle conseguenze oppure no". "Le opinioni a riguardo nel partito sono molto diverse", ha spiegato.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie