Mondo
  1. ANSA.it
  2. Mondo
  3. Ucraina: Putin minaccia di usare le armi segrete contro l'Occidente

Ucraina: Putin minaccia di usare le armi segrete contro l'Occidente

Kiev, abbiamo chiesto agli Usa droni d'attacco. Zelensky sente Draghi: grazie all'Italia per il sostegno alle sanzioni

Oltre all'artiglieria pesante e ai sistemi missilistici, il governo di Kiev ha chiesto agli Usa "droni d'attacco", in particolare i MQ-1C Grey Eagle, con "munizioni appropriate" come il missile AGM-114 Hellfire. Lo ha detto in un'intervista a Politico il ministro della Difesa ucraino Oleksij Reznikov sottolineando di aspettarsi "risultati positivi". L'Ucraina ha già preso contatti con la General Atomics, l'azienda che produce i droni ma per qualsiasi vendita o trasferimento ci vuole il via libera del governo degli Stati Uniti, in particolare del Dipartimento di Stato e del Pentagono.

"Se la Russia sarà minacciata, risponderà con mezzi che i suoi avversari non hanno ancora", ha detto il presidente Vladimir Putin in un discorso ai parlamentari a San Pietroburgo. Il leader russo ha parlato di "minacce geopolitiche" ed ha aggiunto: "Devono sapere che ci sarà una risposta, e sarà fulminea. Abbiamo strumenti che nessuno ha e li utilizzeremo, se necessario. Voglio che tutti lo sappiano", è il suo avvertimento. Missili e sottomarini, le super armi dello zar (IL FOCUS)  Il segretario di Stato americano, Antony Blinken, in un'audizione alla Commissione bilancio del Senato Usa, denuncia che ci sono "notizie molto credibili" secondo i quali i russi hanno "nascosto esplosivi in oggetti come lavatrici e giocattoli in modo che quando gli ucraini potranno tornare a casa e riprendere la loro vita normale siano uccisi o feriti".

LA GUERRA DEL GAS - Controffensiva del Cremlino contro i paesi che sostengono l'Ucraina. Gazprom ha sospeso le forniture di gas a Polonia e Bulgaria per effetto del mancato pagamento. La Russia minaccia di bloccare il gas anche verso altri Paesi oltre la Polonia e la Bulgaria se le forniture non saranno pagate in rubli. 

Stop al gas in Polonia. Mosca: 'Ci paghi in rubli'

Igor Volobuev, vicepresidente della Gazprombank di proprietà statale, ha annunciato di essere fuggito dalla Russia per combattere a fianco delle forze ucraine, diventando così il quarto alto dirigente o funzionario noto ad aver fatto una brusca uscita dal paese. Lo scrive The Moscow Times. Volobuev ha precisato di aver lasciato la Russia il 2 marzo e di essersi unito alle forze di difesa territoriale ucraine. "Non riuscivo a guardare quello che la Russia stava facendo alla mia patria", ha detto Volobuev, nato nella città ucraina nord-orientale di Okhtyrka.

Zelensky: 'Putin vuole smembrare l'Europa centrale e orientale'

I RAPPORTI ITALIA-UCRAINA - "Prosegue il dialogo con il Presidente del Consiglio Mario Draghi. Ho riferito sui progressi nel respingere l'aggressione russa. Siamo grati per il coinvolgimento dell'Italia nelle indagini sui crimini contro l'umanità commessi dalla Russia. Apprezziamo anche il sostegno per rafforzare le sanzioni contro l'aggressore", scrive su Twitter il presidente dell'Ucraina Volodymyr Zelensky. "Nel corso del colloquio hanno anche parlato della visita del presidente del Consiglio sulla quale hanno convenuto di risentirsi". Lo si apprende da fonti di Palazzo Chigi. "Un ringraziamento speciale all'Italia per aver dato rifugio a oltre 100.000 ucraini che sono stati costretti a fuggire dalle loro case a causa dell'aggressione russa. Si è discusso anche del coinvolgimento dell'Italia sui futuri accordi per la sicurezza dell'Ucraina", scrive quindi su Twitter il presidente Zelensky.

La proposta della Commissione europea di sospendere per un anno tutti i dazi sui prodotti esportati da Kiev nell'Ue "permetterà di sostenere al massimo l'attività economica in Ucraina e preservare la nostra produzione nazionale". Lo ha dichiarato stasera in un video diffuso su Telegram il presidente ucraino Volodymyr Zelensky.

LA GUERRA SUL CAMPO - Le forze russe hanno bombardato due volte la città di Avdiivka, nella regione orientale ucraina di Donetsk, con munizioni al fosforo. Lo ha denunciato il capo dell'amministrazione militare regionale, Pavlo Kyrylenko, secondo quanto riporta la Ukrainska Pravda. "I russi hanno colpito due volte Avdiivka con munizioni al fosforo. Prima hanno attaccato la notte scorsa nelle vicinanze dell'impianto di coke di Avdiivka e questa mattina, nel centro della città. A seguito dei due bombardamenti (con pezzi di artiglieria, ndr), sono scoppiati diversi incendi nel città", ha detto Kyrylenko.

Le autorità regionali di Lugansk hanno denunciato che un raid russo ha colpito l'ospedale di Severdonetsk, dove c'erano diversi pazienti, e una donna è morta. Lo riporta Ukrinform. "Nella regione sono rimasti solo due ospedali funzionanti, a Severdonetsk e Lysychansk", ed "oggi" i russi hanno "deliberatamente aperto il fuoco sull'ospedale di Severdonetsk. Sapevano che l'ospedale non era vuoto, c'erano pazienti e medici", ha affermato il governatore di Lugansk Serhiy Haidai, aggiungendo che "diversi piani dell'edificio sono stati danneggiati".

 

Il segretario generale dell'Onu Antonio Guterres è arrivato "in Ucraina dopo aver visitato Mosca. Continueremo il nostro lavoro - afferma - per rafforzare il supporto umanitario e garantire l'evacuazione dei civili dalle zone di conflitto. Prima finisce questa guerra, meglio è, per il bene dell'Ucraina, della Russia e del mondo".

La Turchia auspica che l'incontro tra il presidente russo Vladimir Putin e quello ucraino Volodymyr Zelensky possa avere luogo "nei prossimi giorni": lo ha detto il ministro della Difesa turco Hulusi Akar dopo il vertice di ieri a Ramstein in Germania. "Ci auguriamo che, nonostante alcune difficoltà, i due i leader possano incontrarsi nei prossimi giorni grazie alle proposte del nostro presidente Recep Tayyip Erdogan", ha detto Akar, citato dalla Tass. Ieri Erdogan ha sentito telefonicamente Putin, ribadendogli l'invito ad ospitare in Turchia un vertice tra i due presidenti in guerra.

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie