Vaccini: Egitto da giugno produrrà cinese Sinovac

Il Cairo, nel primo anno saranno prodotte 40 mln di dosi

 Il ministro della Salute egiziano, Hala Zayed, ha reso noto ieri che da giugno l'Egitto inizierà a produrre localmente il vaccino cinese anti-Covid Sinovac e che i primi 2 milioni di dosi saranno prodotti a giugno negli impianti della Holding egiziana per i prodotti biologici e i vaccini (Vacsera) mentre nel primo anno si prevede di produrre 40 milioni di dosi..
    "Riceveremo la prima spedizione delle materie prime necessarie per produrre il vaccino il 18 maggio", ha detto Zayed in conferenza stampa.
    Il ministro ha poi precisato che ad aprile sono stati sottoscritti due accordi tra Sinovac e Vacsera, il primo dei quali permette alla parte egiziana di acquisire competenze e assistenza tecnica per produrre il vaccino, mentre il secondo dà a Vacsera la licenza per produrlo e confezionarlo presso i suoi impianti.
    Zayed ha inoltre rivelato che la formulazione Sinovac che sarà prodotta in Egitto si chiamerà Sinovac-Vacsera. Il Cairo ha iniziato a fine gennaio a inoculare il personale medico degli ospedali governativi con un vaccino anti Covid-19 prodotto da un altro importante produttore di farmaci cinese, Sinopharm, il primo approvato dall'Autorità egiziana del farmaco.
    Finora, l'Egitto ha riportato 236.272 casi di Covid-19, tra cui 13.845 decessi e 176.363 guarigioni.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie