• Terrore in Svezia: sette accoltellati, tre sono in pericolo di vita

Terrore in Svezia: sette accoltellati, tre sono in pericolo di vita

A Vetlanda, fermato un uomo. Indagini per tentato omicidio, forse terrorismo

La polizia svedese ha rivisto questa mattina al ribasso, da otto a sette, il numero dei feriti nell'attacco all'arma bianca avvenuto ieri sera nella cittadina di Vetlanda, senza fornire ulteriori dettagli. La notte scorsa fonti ospedaliere avevano fatto sapere che tre delle persone ferite sono in pericolo di vita, mentre altre due hanno riportato ferite gravi.

La quiete di una piccola cittadina nel sud della Svezia, Vetlanda, è stata infranta bruscamente da un ventenne che si è lanciato all'assalto dei passanti, armato di coltello. Ha colpito in cinque punti diversi della città. Alla fine è stato fermato da un agente che gli ha sparato a una gamba. Ricoverato in ospedale non è in gravi condizioni e la polizia conta di poterlo interrogare presto.

Per il momento le indagini sono classificate come tentato omicidio ma ancora non si esclude che possa essersi trattato di un atto terroristico, anche se al momento non trapela nessun dettaglio sulle motivazioni dell'uomo, un residente del posto già noto alle forze dell'ordine per reati minori. L'allerta è scattata intorno alle 15, dopo alcune segnalazioni di un individuo con "un'arma affilata" che stava assaltando diverse persone nel centro della cittadina di circa 20mila abitanti. In una zona affollata, nei pressi della stazione ferroviaria. L'aggressore, che secondo i media locali aveva un coltello - anche se la polizia non ha confermato di che tipo di arma si trattasse -, è riuscito a colpire 8 volte prima di essere fermato dagli agenti.

Restano misteriose le motivazioni che hanno spinto il giovane: inizialmente la polizia ha parlato di un tentato omicidio. Con il passare delle ore ha preso poi corpo l'ipotesi di "crimine di matrice terrorista". Salvo poi in una conferenza stampa serale ribadire che il reato è per ora classificato come tentato omicidio. In attesa che si chiarisca la dinamica e soprattutto il movente dell'assalto, il primo ministro svedese Stefan Löfven ha condannato questo "atto terribile", esortando tutti a "inviare un pensiero alle persone colpite dalla violenza e agli uomini e alle donne dell'assistenza sanitaria, della polizia e del comune che lavorano per prendersi cura dei feriti e ripristinare la sicurezza". Il governo è in costante contato con le forze di sicurezza. In Svezia, i servizi di intelligence considerano alta la minaccia terroristica. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie