Mondo
  1. ANSA.it
  2. Mondo
  3. Oltre 4mila arresti alle proteste pro Navalny, rilasciata Yulia

Oltre 4mila arresti alle proteste pro Navalny, rilasciata Yulia

Manifestazioni in almeno 35 città del Paese

Sono oltre 4.000, e per l'esattezza 4.027, i manifestanti finora fermati durante le proteste in Russia contro la detenzione dell'oppositore numero uno di Putin, Alexey Navalny: lo riferisce l'ong Ovd-Info sul suo sito ufficiale. L'ong ha notizia di 1.167 fermi a Mosca e 862 a San Pietroburgo.

In Piazza Sennaya, a San Pietroburgo, "la polizia ferma brutalmente i giornalisti" nonostante indossino gilet gialli con su scritto "Stampa" e mostrino i tesserini, riporta la testata online Meduza, secondo cui uno dei fermati è il fotoreporter Georghi Markov, che stava scattando foto per il sito Znak.com.

Navalny, 44 anni, è statao arrestato il 17 gennaio scorso al suo ritorno dalla Germania, dove era stato ricoverato in seguito a un tentativo di avvelenamento.

La polizia russa ha fermato e poi rilasciato la moglie di Aleksey Navalny, Yulia Navalnaya, mentre andava assieme a un gruppo di manifestanti verso il carcere di Matrosskaya Tishina di Mosca, dove è rinchiuso l'oppositore, secondo quanto riporta la tv Dozhd. Un video pubblicato da Meduza mostra i manifestanti che urlano in coro "Libertà" per Navalny. Secondo Interfax, i funzionari di polizia hanno compilato nei riguardi di Yulia Navalnaya un verbale amministrativo sulla "partecipazione a una protesta non autorizzata che ha implicato disturbi per passanti e trasporti". Il verbale sarà esaminato domani in tribunale.

Gli Stati Uniti di Joe Biden, per bocca del segretario di Stato Antony Blinken, condannano le "tattiche brutali" della Russia contro i manifestanti di opposizione. "Gli Stati Uniti condannano l'uso persistente di tattiche brutali contro manifestanti pacifici e giornalisti da parte delle autorità russe per la seconda settimana consecutiva - afferma in un tweet il segretario di Stato americano Antony Blinken -. Rinnoviamo il nostro appello alla Russia affinché rilasci i detenuti per aver esercitato i loro diritti umani, tra cui Aleksey Navalny", conclude.

"Anche oggi condanno gli arresti di massa e l'uso sproporzionato della forza contro manifestanti e giornalisti in Russia. Le persone devono poter esercitare il loro diritto di manifestare senza timore di repressione. La Russia deve rispettare i suoi impegni internazionali", ha scritto l'Alto Rappresentante Ue Josep Borrell.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA



Modifica consenso Cookie