Mondo

Navalny arrestato a Mosca, 'non abbiate paura'

Il volo di rientro dirottato all'ultimo su un altro scalo

Appelli per la liberazione di Alexey Navalny, rientrato ieri in Russia e subito arrestato. La Germania chiede a Mosca "il rilascio immediato" dell'oppositore. Il suo arresto, ha detto il ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas, "è totalmente incomprensibile".

Il presidente del Consiglio dell' Unione europea, Charles Michel, ha definito "inaccettabile" l'arresto chiedendone l'immediato rilasciato., mentre la Lituania ha già avanzato la proposta di nuove sanzioni europee contro Mosca. "L'arresto di Navalny al suo arrivo in Russia è un fatto molto grave, che ci preoccupa. Ne chiediamo l'immediato rilascio. E ci aspettiamo che siano rispettati i suoi diritti". Lo scrive su Twitter il ministro degli Esteri Luigi Di Maio. "Inaccettabile l'arresto di Navalny al suo rientro in Russia. I diritti fondamentali non sono negoziabili, il loro rispetto precede qualsiasi forma di cooperazione e va preteso dall'Italia e dall'Europa tutta: davanti a episodi come questo si misura il senso della nostra Unione". Lo scrive su twitter il presidente della Camera Roberto Fico. 

Anche gli Stati Uniti condannano con fermezza l'arresto di Navalny. Lo afferma il segretario di stato americano Mike Pompeo, esprimendo "grande preoccupazione" per l'ennesimo tentativo di far tacere una voce dell'opposizione e indipendente. Il presidente eletto Joe Biden, per bocca del suo consigliere per la sicurezza nazionale, chiede la scarcerazione immediata del dissidente.

Alexey Navalny è rientrato in Russia. Come aveva promesso. E gli agenti del nucleo operativo del Servizio Penitenziario Federale lo hanno preso in consegna al varco passaporti dello scalo di Sheremetyevo, come da programma. Dunque nessuna sorpresa, tranne il dirottamento del volo all'ultimo miglio (sarebbe dovuto atterrare a Vnukovo). "Questa è casa mia, sono felice di essere qui", ha detto a internet unificata poco prima del fermo. "Io non ho paura e non dovete averne nemmeno voi".

 

 

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie