• Navalny: il capo 007 russi: forse una provocazione occidentale

Navalny: il capo 007 russi: forse una provocazione occidentale

Mosca respinge accuse, nessun motivo sanzioni

Il capo dell'intelligence russa all'estero (Svr), Serghiei Narishkin, ha detto di non escludere che il presunto avvelenamento dell'oppositore russo Aleksey Navalny possa essere una provocazione dei servizi segreti occidentali. "Non possiamo escluderlo", ha affermato Narishkin rispondendo a una domanda dei giornalisti. Lo riporta l'agenzia di stampa russa Interfax.

Narishkin ha ribadito la versione di Mosca secondo cui i medici russi non avrebbero trovato tracce di veleno nel sangue di Navalny.

Il Cremlino intanto ha respinto le accuse di un suo possibile coinvolgimento nel presunto avvelenamento di Navalny e ha sostenuto di non vedere motivi per eventuali sanzioni contro la Russia.  "Non capiamo quale potrebbe essere la ragione per eventuali sanzioni", ha detto il portavoce di Vladimir Putin, Dmitri Peskov.

"Sceglierei le parole con attenzione quando si parla di accuse contro lo Stato russo perché non ci sono accuse al momento e non c'è motivo per accusare lo Stato russo", ha proseguito il portavoce di Putin precisando che a Mosca non sono "disposti ad accettare nessuna accusa a questo proposito". "Certamente - ha dichiarato - non vorremmo che i nostri partner in Germania e in altri Paesi europei si precipitassero a fare valutazioni, preferiremmo stabilire un dialogo".

   

    RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

    Video ANSA




    Modifica consenso Cookie