Ministro Usa a Taiwan, primo alto funzionario dal 1979

Da quando Washington cessò riconoscere indipendenza dell'isola

Un ministro dell'amministrazione Trump è in missione a Taiwan. E' la prima visita di alto livello di un rappresentante dell'amministrazione Usa dal 1979, quando Washington cessò di riconoscere l'indipendenza dell'isola, indirizzando le relazioni diplomatiche verso Pechino. La delegazione guidata dal segretario alla salute Alex Azar è atterrata all'aeroporto di Taipei. La visita, annunciata dagli americani nei giorni scorsi, è stata già condannata da Pechino, che si rifiuta di alimentare le pulsioni indipendentiste dell'isola, considerandola parte integrante della Cina. 
   

Durante la visita di tre giorni, il segretario alla sanità Alex Azar incontrerà anche la presidente Tsai Ing-wen, che sostiene che Taiwan venga riconosciuta come nazione sovrana, e per questo è detestata dai leader cinesi. La visita del ministro americano alimenterà ulteriormente le tensioni con Pechino, a pochi giorni dallo strappo di Trump nei confronti di TikTok, l'app cinese che sarà bandita negli Usa. E dopo che il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha imposto sanzioni alla governatrice di Hong Kong per la legge sulla sicurezza. Washington ha pubblicizzato il viaggio a Taiwan come un'opportunità per imparare dall'esperienza dell'isola nella lotta al coronavirus (Azar incontrerà anche esperti) e per celebrare i suoi valori progressisti. Ma Pechino, che si oppone a qualsiasi riconoscimento dell'autogoverno di Taiwan, ha definito la visita di Azar come una minaccia alla "pace e stabilità", mentre il ministro della difesa cinese ha messo in guardia contro Washington a fare "mosse pericolose"

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie